GravidanzaOnLine: il Forum

Prima, durante e dopo la gravidanza

 

Il lieto evento

Comunque sia andata si tratta di un momento che non dimenticherai mai, hai voglia di raccontarlo?
Rispondi
mimilla83
New~GolGirl®
New~GolGirl®
Messaggi: 67
Iscritto il: 13 apr 2014, 18:23

Il lieto evento

Messaggio da mimilla83 » 24 ago 2015, 13:41

Ed eccomi ad un anno dalla tua nascita a raccontare il giorno più stravolgente della vita mia e del tuo papà.
Nei giorni che hanno preceduto quella notte, tutto era tranquillo, avevo il solito dolorino alla schiena quando mi giravo e delle leggere contrazioni che andavano e venivano quando più gli piacevano, ma era ancora prestino, eravamo prossimi al ferragosto e tu saresti dovuto nascere il 21.
Quella mattina siamo usciti con zia Luciana ed il suo nuovo compagno per andare al cimitero a trovare lo zio Luca, quello zio che ti ha fatto compagnia mentre eri ancora nel pancione da lassù. Quando siamo arrivati non riuscivo a trattenere le lacrime, avrei tanto voluto che lui ti vedesse, ti tenesse tra le braccia e diventasse il tuo padrino, ma qualcosa è andato storto ed ora non poteva più esserlo.. quante lacrime!!!
A pranzo, siamo andati a mangiare fuori, era ferragosto ed avevamo deciso di trascorrere quel giorno in tranquillità, senza rischiare di imbottigliarci nel traffico per raggiungere la spiaggia.. non si sa mai :ventilato:
Quel giorno però mi sentivo strana. Chissà perchè! :fischia
Io ed il tuo papà abbiamo trascorso tranquillamente il pomeriggio, la sera siamo andati a mangiare a casa dei nonni e poi dritti dritti a casa nostra per aspettare davanti alla televisione di addormentarci.
Alle 23 però, mi viene da fare la pipì, vado in bagno e pulendomi vedo delle macchioline di sangue. Subito penso che sia successo qualcosa, chiamo subito zia Silvana che sta lavorando in ospedale e lei mi dice di stare tranquilla, perché possono essere i capillari che si rompono a causa delle contrazioni e degli sforzi che ho fatto per andare in bagno quel giorno ( :congratulations: ).
Mi dice di aspettare almeno un’oretta prima di mettermi a dormire e di vedere se le macchioline spariscono oppure aumentano, in tal caso, di chiamare il ginecologo ed andare a fare un giro in ospedale. Non so perché, ma comincio ad agitarmi un po’. Tutto il giorno mi ero sentita strana e quelle macchioline non mi facevano pensare ad altro che a te che volevi nascere.
Aspetto ancora un’oretta insieme a papà sul letto, aspettando in silenzio che queste perdite si fermassero.
Ad un certo punto, mi viene di nuovo da far pipì, quindi mi alzo, scendo le scale, arrivo in bagno e.. quasi non riesco a sfilarmi gli slip che sento come un palloncino rompersi e dell’acqua che scorre. Mi guardo in basso e vedo dell’acqua mista a sangue che scende giù per il wc. Il mio primo pensiero va al bagno da ripulire, poi mi fermo e penso… cavolo, mi si sono rotte le acque!
Aspetto ancora un pochino seduta sul wc, ma ogni volta che mi muovo, sento che scorre acqua, così decido di mettermi un’assorbente e di salire su per dire a papà di prepararsi.. si va in ospedale!
Alla notizia che mi si sono rotte le acque, papà va in apprensione: “non è possibile!” . Papà corre a chiamare il dottore, mentre io parlo con zia Silvana… ci siamo, tra poco ti abbracceremo.
Io subito penso al volermi fare una doccia ed al volermi dare una sistematina lì sotto, ma il tuo papà non vuole. Alla fine lo convinco ad aiutarmi, perché da sola non riuscivo e non appena vede l’acqua che viene giù per le gambe, manca poco che mi lanci in auto con l’accappatoio (che risate a ripensarci). Alla fine, faccio la mia bella doccia, mi metto un vestitino largo, le ciabatte larghe da casa e raccatto le ultime cose prima di andare in ospedale. Sono così tranquilla e così serena che non mi va proprio di andare in ospedale, tanto che convinco papà a fermarsi in autogrill ed a farci qualche foto in un fast food a tema , l’Old Wild West (lo so che non stiamo bene). Nel frattempo che papà mi accompagna in ospedale, io mando un messaggio ai mille amici e parenti per avvisarli… che capa fresca.
Arriviamo finalmente in ospedale e chi trovo? Il mio ginecologo e l’ostetrica del corso preparto che sono di turno.. che cu*o!
Il dottore mi visita e sembra addirittura non credere al fatto che mi si siano rotte le acque (scopriremo dopo che non si erano rotte del tutto), mi fa tirare il sangue, mi scheda e mi dice di andare nella mia camera x riposare, dato che non c’erano sintomi e che il mio cucciolo era ancora alto, avevo 24 ore x partorire e lui pensava le avrei usate tutte.
Saluto il papà che non può entrare e vado in camera a cambiarmi. Lì incontro una bravissima ragazza con cui chiacchiero (nonostante siano le 3 passate, lei sta tirando il latte x il suo pulcino). All’improvviso cominciano ad arrivare i dolori. Cavolo, sono fortini, non riesco nemmeno a stare seduta!
E dopo poco, arieccoli! Ma che strano, sono così vicini e durano anche quasi un minuto. Vabbè, cominciamo proprio male! La ragazza vicina a me, comincia ad essere stranita nel vedermi così sofferente e mi dice di segnare gli intervalli e le durate tra le contrazioni. Inizio a farlo per quasi 20 minuti e… una contrazione ogni tre minuti che dura quasi sessanta secondi. Ma… ma stiamo scherzando?? Ma non è possibile! Chiamo l’ostetrica, che incredula mi porta in sala travaglio a fare il tracciato. E’ una notte tranquilla e preferisce farmi stare comoda (quanto l’adoro!!). mi mette il tracciato e svanisce x 40 minuti. Io mi piegavo ogni 3 minuti per le contrazioni ed ogni volta diventavano più forti. Alla fine lei arriva, guarda il tracciato e mi chiede se le ho ancora. Io la guardo e quasi quasi la mando a quel paese. Al che, mi dice che vuole visitarmi. Comincia a visitare e la vedo sbarrare gli occhi… ero a 5 cm… in meno di un’ora! Mi dice di chiamare subito il papà per farlo tornare di corsa in ospedale, altrimenti si sarebbe perso la tua nascita. Io lo chiamo e lui subito scatta e corre da noi. Poverino, papà era appena rientrato a casa e si era messo sul letto per cercare di riposare…
Appena arriva, il mio angelo biondo Elvira lo fa entrare e lui subito a stringermi la mano ed a farmi i massaggi al fondo schiena. Si sentiva così emozionato, non sapeva nemmeno lui cosa dire o fare. Mi dava bacetti e mi chiedeva come stavo, mi aiutava a coprirmi e scoprirmi in base all’andirivieni delle contrazioni. Dal momento in cui ero entrata in sala travaglio, non mi ero più alzata dal letto, fino al momento in cui non mi scappa la pipì (cioè un’ora dopo) ed Elvira mi conferma che sono di 9 cm e che devo alzarmi per andare in sala parto. Sala parto?? Io?? Ma a me scappa la pipì… Ultima visitina ed Elvira rompe quell’ultima parte del sacco ancora presente e via altra acqua.. ma quanta è? Dolori che oramai aumentavano ogni minuto e sembravano non finire più, non mi faceva male la pancia, io sentivo proprio le ossa del coccige che si aprivano.. dolore immane!
Cerco inutilmente di fare la pipì, mentre Elvira mi dice di iniziare a spingere. Capisco che non ci riesco molto in quella posizione, così andiamo in sala parto e mi metto in posizione sul lettino. Arriva il mio ginecologo e tra una chiacchiera e l’altra, cominciamo a farci due risate, mentre Elvira mi “prepara” per una possibile episiotomia. Io la guardo e le dico in cagnesco che non la voglio, quindi che non si permetta! Lei ovviamente mi parla con calma e dice che non vuole farla, ma che non si sa mai, quindi bisogna prepararmi. Comincio a pregare tutti i santi del paradiso per farti uscire da me, ad ogni contrazione spingo come un’ossessa per aiutarti e qualcosa sembra muoversi, infatti tu arrivi presto vicino vicino all’uscita. Però poi comincia a girarmi la testa, inizia a formicolare tutto il corpo e chiedo se sia normale. Non avevo ancora capito che stavo per avere un collasso… :x:
Il dottore capisce che da sola non posso farcela e quindi mi chiede se me la sento di farmi aiutare. Fa una prova ed io non sento alcun dolore… possibile?? Al che gli dico di non sentire nulla e lui continua. Tra le mie spinte, aggrappata a quel lettino, il suo aiuto con quelle spinte sul pancione ed Elvira che allarga più che può la pelle lì sotto, finalmente nasci tu. Avevo gli occhi chiusi ed il dottore avanti a me.. mi è sembrato di aver chiuso gli occhi per ore intere.. ma alla fine erano passati poco più di 5 minuti e tu eri apparso ai miei occhi. Nessun dolore, nessun preavviso, nessuna aspettativa di essere così veloci ed invece … eccoti! Finalmente sei nato. Sei lì tutto bagnato, piangi un pochino, ti tagliano il cordone e ti mettono subito addosso a me. Dio quanto sei bello. Non so che fare, che dire. Guardo papà e guardo te.. non si può essere così felici!
In quel momento, mi accorgo che Elvira sorride, mi guarda e mi dice che è andato tutto bene, che non mi dovrà mettere nessun punto e che anche la placenta sta uscendo senza difficoltà. Un parto bellissimo lo ha definito! Io tremo tutta, lo sforzo è stato tantissimo e mi sento fiacca. Mi fanno una siringa che penso sia di antibiotico e mentre mi finiscono di pulire, penso a te.. penso a quanto vorrei stringerti tra le braccia.
Tempo 10 minuti ed Elvira mi guarda e dice di alzarmi per andare in camera. Cosa? Alzarmi? Ma devo andare a piedi in camera?? Non pensavo di farcela, ed invece eccomi lì, mi rimetto subito in piedi come se nulla fosse successo, sento solo un leggero dolore al coccige ed al bacino, ma penso sia più che normale :che_dici
Saluto papà che corre da te e sotto braccio con un’infermiera me ne vado in camera. Mi cambio e mi metto sdraiata a letto, subito a mandare messaggi a tutti dicendo che Gabriele è nato alle 7.46, che sei lungo 59 cm e pesi 3.165 Kg.
Ho avuto un parto eccezionale e sono stata molto fortunata. Prima di quel giorno ho letto mille racconti sul parto ed ogni volta mi emozionavo come non mai. La cosa ancor più bella è stata fare quest'avventura con tante donne e mamme agostine eccezionali alle quali non finirò mai di dire grazie!
Spero che il mio racconto possa dare un supporto positivo a tutte le mamme che ancora non sanno cosa si troveranno davanti. Non per forza dobbiamo immaginarlo duro e doloroso. Io ho partorito dopo 3h e mezza di travaglio e non ho avuto nessun problema. Tanto ha fatto la respirazione e perchè no.. una bella botta di sedere non guasta :ok
Auguri a tutte le pancine :bacetto

Avatar utente
Befanina12
Master~GolGirl®
Master~GolGirl®
Messaggi: 5408
Iscritto il: 9 dic 2011, 12:21

Re: Il lieto evento

Messaggio da Befanina12 » 24 ago 2015, 16:10

Racconto emozionante
Rebecca trappolina. 13/7/12. 49 cm 3,220kg
Gioele ciuccione 1/08/15 52cm 3,565kg
sarò più forte allora...dopotutto domani è un altro giorno

Avatar utente
ZiaVale
Master~GolGirl®
Master~GolGirl®
Messaggi: 9690
Iscritto il: 9 set 2013, 14:42

Re: Il lieto evento

Messaggio da ZiaVale » 25 ago 2015, 8:51

Che bel racconto Mimilla! :emozionee Tanti ricordi tornati alla mente di quei giorni in cui tutte aspettavamo il momento :emozionee
Il cuore in pasto ai leoni: Celeste 15.08.2014 - Beatrice 06.08.2018

"guru di pipì e popó, dal pannolino al vasino" (cit.)

cilla23
New~GolGirl®
New~GolGirl®
Messaggi: 6
Iscritto il: 26 ago 2015, 14:22

Re: Il lieto evento

Messaggio da cilla23 » 26 ago 2015, 14:41

Mi sono emozionata molto leggendo il tuo racconto!
Spero che anche a noi vada tutto bene, ho un po di paura... ma credo sia normale.
Nel frattempo continuo a leggere i vostri racconti e le vostre esperienze che mi tranquillizzano molto!

Avatar utente
SeDiCi
Original~GolGirl®
Original~GolGirl®
Messaggi: 1351
Iscritto il: 27 gen 2014, 13:41

Re: Il lieto evento

Messaggio da SeDiCi » 27 ago 2015, 17:39

ZiaVale ha scritto:Che bel racconto Mimilla! :emozionee Tanti ricordi tornati alla mente di quei giorni in cui tutte aspettavamo il momento :emozionee
Gabriele era splendido e la sua mamma raggiante in quelle prime foto così come ora!
Quanta attesa, per fortuna in compagnia di tante amiche
! Bacio
Immagine
SERENA mamma di VIOLA agostina14,
di BIMBODUE, angioletto e novembrino16 e di DIANINA febbrarina17

Avatar utente
Meme93
Active~GolGirl®
Active~GolGirl®
Messaggi: 817
Iscritto il: 21 lug 2015, 11:21

Re: Il lieto evento

Messaggio da Meme93 » 14 nov 2015, 7:26

Che bella esperienza!! :cuore
Mamma di Giada 14/04/2016 3.740kg di pura dolcezza!

Avatar utente
Meletta
Basic~GolGirl®
Basic~GolGirl®
Messaggi: 422
Iscritto il: 21 gen 2014, 17:36

Re: Il lieto evento

Messaggio da Meletta » 20 gen 2016, 18:41

Bellissimo ❤️
Isa mamma di..
Alessandro, nato a 37+5 il 18/04/2011, 3650gr x 54 cm
Elisa, nata a 40+5 il 4/09/2014, 3300gr x 51 cm
Bianca, nata a 39+2 il 2/09/2016, 3050gr X 52cm
Non smetterò mai di sognarvi....

Avatar utente
Martajill
Basic~GolGirl®
Basic~GolGirl®
Messaggi: 233
Iscritto il: 24 gen 2016, 10:39

Re: Il lieto evento

Messaggio da Martajill » 17 feb 2016, 15:11

Che bel racconto!!!

Rispondi

Torna a “I RACCONTI DEL PARTO”