GravidanzaOnLine: il Forum

Prima, durante e dopo la gravidanza

 

TONI POCO RISPETTOSI NEI MIEI CONFRONTI

La nascita, la crescita, grandi e piccole sfide della genitorialità.
Avatar utente
tittiale
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 14780
Iscritto il: 6 set 2006, 11:19

Re: TONI POCO RISPETTOSI NEI MIEI CONFRONTI

Messaggio da tittiale » 26 lug 2013, 10:15

gattina ha scritto:Io penso che si sono troppo "svegliati" e non hanno più timore dell'autorità, un genitore non è un alieno che non alza mai la voce non perde mai il controllo.... si cerca di dare l'esempio ma ogni tanto fanno saltare i nervi e una pacca al fondoschiena se la beccano proprio, annunciata e cercata.
meno male che non hanno più timore dell'autorità :sorrisoo perché il timore ha effetto (ma che effetto?) a breve termine, ma che insegnamento daremmo ai nostri figli? Che si devono rispettare le regole solo per timore di essere puniti? E che ci si può far rispettare solo incutendo paura?
Meglio un genitore autorevole che autoritario, anche se probabilmente il percorso per arrivare ad esserlo è più faticoso e porta, a breve termine, meno risultati.
ogni tanto anche al genitore scappa la pazienza, ci mancherebbe, e urla o scappa lo sculaccione: la cosa importante, a mio parere, è recuperare e chiedere scusa. Spiegare che si è sbagliato e che ci dispiace... e stranamente i nostri figli ci porteranno ancora più rispetto e da noi impareranno che si può sbagliare e riparare al danno fatto.
`·.,¸¸,.·´¯ Titti&Ale con Manuel *15/2/2007, Sofia *27/1/2009, Mirco *20/1/2012 e Nicolò *27/3/2015¯`·.,¸¸,.·´

Avatar utente
rossella
Original~GolGirl®
Original~GolGirl®
Messaggi: 1001
Iscritto il: 15 dic 2005, 9:32

Re: TONI POCO RISPETTOSI NEI MIEI CONFRONTI

Messaggio da rossella » 26 lug 2013, 10:57

Sono d'accordo con Tittiale non mi piace l'idea di un genitore che incute paura e perq eusto il figlio obbedisce.
Preferisco educare le mie figlie che certe cose non si fanno perchè non sono rispettose, perchè gli altri poi non vogliono più stare con noi, perchè le persone grandi e intelligenti non le fanno.
E anche io quando esagero con i toni (che capita a tutti) chiedo scusa e dico 'scusate bimbe ho esagerato perchè sono un po' stanca': loro capiscono e io sono coerente.
mamma di Ginevra e Rebecca 12/07/2006

Avatar utente
lalat
Silver~GolGirl®
Silver~GolGirl®
Messaggi: 15424
Iscritto il: 20 mag 2005, 10:02

Re: TONI POCO RISPETTOSI NEI MIEI CONFRONTI

Messaggio da lalat » 26 lug 2013, 21:49

Altra cosa di Fabio che mi fa imbestialire. Chiede una cosa quando siamo fuori (una pallina, un gioco, una caxxata enorme che il giorno dopo nemmeno ricorda più), gli rispondo no ... e nons empre c'è la spiegazione perché non comprende (o fa finta di non capire) che non posso comprare ogni caxxata che mi chiedono per strada (è una richiesta continua ... ultimamente .. non o hanno fatto da piccoli e lo fanno ora :impiccata: ).
Allora lui mi dice "uffa, hai appena ritirato i soldi al bancomat e te li usi solo come piace a te e non ci compri mai niente" ... :urka :bomba questo urlandomelo per strada ... una signora ha riso e l'avrei fulminata volentieri ... caxxo ridi, mi parla in questo modo e ridi?
Mi sono arrabbiata talmente tanto che a casa gliene ho dette di tutti i colori ... poi ho ragionato e ho detto loro le cose che tipicamente odiavo da bambina ... eppure m'è parsa la cosa più logica. E cioè: "quando ero bambina io, mica mi compravano tutti questi regali. Visto che dici che spendo i soldi (che guadagno andando a lavorare :bomba mentre tu non hai voglia di fare i compiti) adesso ti farò vedere cosa vuol dire non comprarti niente. Cominciamo che al pomeriggio, quando usciamo non ti compro più il gelato ... se hai fame fai merenda con pane e marmellata portato da casa ... se non vuoi pane e marmellata vuol dire che non hai fame. Io da bambina mangiavo pane e marmellata, pane e nutella o pane e olio ... mica il gelato ogni giorno sai?"
Quando mi dicevano cose del genere a me da bambina ... le odiavo :risatina: quindi non so se loro capiranno ... a me facevano il confronto col dopoguerra ... ed era un confronto che non sopportavo.
Però è veramente difficile ... io è un periodo che sono così :impiccata:
Vorrei mandarli d amia madre una settimana per tirare un po' di respiro ... ma quando tornano sono più viziati di prima :impiccata:
Alessia, Davide 02/12/2004 e Fabio 24/09/2006

Avatar utente
ely66
Admin
Admin
Messaggi: 58753
Iscritto il: 8 apr 2005, 22:00

Re: TONI POCO RISPETTOSI NEI MIEI CONFRONTI

Messaggio da ely66 » 26 lug 2013, 22:18

.. una signora ha riso e l'avrei fulminata volentieri ... caxxo ridi, mi parla in questo modo e ridi?
beh dai! magari ti ha capita e ha rivisto in un flash se stessa. :prr
mia figlia ci ha provato per un po' a dirmi che non le comperavo niente. quando le ho mostrato che aveva più scarpe di me, ha iniziato a piantarla. ma ce n'è voluta! :aargh :aargh
Gaia,il soffio della mia vita è arrivata il 12 agosto 2003 I bambini devono essere felici, non farci felici
Non avere paura di essere solo. Le aquile volano sole, i piccioni volano in gruppo (prov. Lakota)

Avatar utente
Lorena
Master~GolGirl®
Master~GolGirl®
Messaggi: 5140
Iscritto il: 20 mag 2005, 13:35

Re: TONI POCO RISPETTOSI NEI MIEI CONFRONTI

Messaggio da Lorena » 26 lug 2013, 23:36

tittiale ha scritto:meno male che non hanno più timore dell'autorità :sorrisoo perché il timore ha effetto (ma che effetto?) a breve termine, ma che insegnamento daremmo ai nostri figli? Che si devono rispettare le regole solo per timore di essere puniti? E che ci si può far rispettare solo incutendo paura?
No, aspetta... io non intendo che i figli devono avere paura dei genitori...ma solo che devono riconoscere che il genitore è una figura da rispettare.... voglio dire, le maestre di scuola ci riescono, ma senza incutere paura.... perchè un genitore no?? io vorrei che mia figlia mi rispettasse in quel senso...
e con le maestre (sempre, anche all'asilo) certe cose non le dice e non le fa....perche??? perche sa che non si fa... mica perchè poi la maestra le fa chissà che cosa....
»-(¯`v´¯)-» Lorena »-(¯`v´¯)-»
•°o.O Samantha 30/06/2005 O.o°• •°o.O Clarissa 22/12/2009 O.o°•

Avatar utente
sbu
Bronze~GolGirl®
Bronze~GolGirl®
Messaggi: 12740
Iscritto il: 20 mag 2005, 22:20

Re: TONI POCO RISPETTOSI NEI MIEI CONFRONTI

Messaggio da sbu » 27 lug 2013, 0:40

Per gli acquisti io dico loro che anche a me piacciono tante cose tipo borse, scarpe e vestiti (non è mica vero, ma l'importante che lo credano loro) ma non posso comprarsi tutte le scarpe che vorrei, quindi quando c'è l'occasione o mi servono ne prendo un bel paio che però non costa troppo e che nn si rompa dopo 5 minuti e stop, così loro quando c'è l'occasione tipo compleanno prenderanno un bel gioco fatto bene e non la mashera di spiderman che costa 50€ ed è una cagata. Finora hanno capito, poì chissà
´¯`·->Fabio 4,080 kg di felicità 15 Dicembre 2005´¯`·->Viola 3,780 kg di rapidità 16 Ottobre 2009

Avatar utente
gattina
Active~GolGirl®
Active~GolGirl®
Messaggi: 936
Iscritto il: 19 mar 2008, 15:28

Re: TONI POCO RISPETTOSI NEI MIEI CONFRONTI

Messaggio da gattina » 27 lug 2013, 3:00

tittiale ha scritto:
No, aspetta... io non intendo che i figli devono avere paura dei genitori...ma solo che devono riconoscere che il genitore è una figura da rispettare.... voglio dire, le maestre di scuola ci riescono, ma senza incutere paura.... perchè un genitore no?? io vorrei che mia figlia mi rispettasse in quel senso...
e con le maestre (sempre, anche all'asilo) certe cose non le dice e non le fa....perche??? perche sa che non si fa... mica perchè poi la maestra le fa chissà che cosa....
Esattamente! Non paura, ma sapere che certe cose non vanno fatte e basta.
CLAUDIO 05 Nov '08 *miciofila* ~ aspirante mamma ecologica ~
RIECCOMI DOPO UNA LUNGA ASSENZA!

Avatar utente
lory75
Expert~GolGirl®
Expert~GolGirl®
Messaggi: 2235
Iscritto il: 27 feb 2010, 14:14

Re: TONI POCO RISPETTOSI NEI MIEI CONFRONTI

Messaggio da lory75 » 28 lug 2013, 8:13

mamma mia, vedo che sono in buona compagnia!
anche la mia grande, da risposte da ragazzina in piena adolescenza! e quando ci saremo arrivati che ne sarà di noi?
quando proprio mi sale il nervoso sembra capire, ma poi un attimo dopo è come prima!
ultimamente mi sta venendo lo sconforto, non era così prima, a detta di tutti è quella più dolce, ma alla resa dei conti vedo che la sorella ascolta di più, però anche lei due anni fa ascoltava, quindi non so se mi dovrò aspettare un cambiamento anche dalla piccola.
Per studiare è un continuo di dirle avanti, sbrigati, ancora lì?!!! quando le chiedi di fare qualcosa, e si capisce che c'è una certa urgenza, vedi lei che va, con il passo di una lumaca, e ti risponde "lo sto facendo, che non lo vedi, ma sei pazza?"
non c'è incentivo che tenga, anche ieri che dovevamo andare a mare, l'abbiamo aspettata per mezz'ora, a volte la punisco e le spiego che visto che abbiamo fatto tardi non possiamo più andare, non possiamo più fare.. ma non sempre è possibile, perchè altrimenti castigo il resto della famiglia.
non c'è sos tata che tenga!
Mamma di Simona (23.09.05), Giorgia (12.07.07) e Riccardo (02.11.10)

Avatar utente
crucchina79
Master~GolGirl®
Master~GolGirl®
Messaggi: 6488
Iscritto il: 19 nov 2010, 12:24

Re: TONI POCO RISPETTOSI NEI MIEI CONFRONTI

Messaggio da crucchina79 » 28 lug 2013, 9:40

tittiale ha scritto:
gattina ha scritto:Io penso che si sono troppo "svegliati" e non hanno più timore dell'autorità, un genitore non è un alieno che non alza mai la voce non perde mai il controllo.... si cerca di dare l'esempio ma ogni tanto fanno saltare i nervi e una pacca al fondoschiena se la beccano proprio, annunciata e cercata.
meno male che non hanno più timore dell'autorità :sorrisoo perché il timore ha effetto (ma che effetto?) a breve termine, ma che insegnamento daremmo ai nostri figli? Che si devono rispettare le regole solo per timore di essere puniti? E che ci si può far rispettare solo incutendo paura?
Meglio un genitore autorevole che autoritario, anche se probabilmente il percorso per arrivare ad esserlo è più faticoso e porta, a breve termine, meno risultati.
ogni tanto anche al genitore scappa la pazienza, ci mancherebbe, e urla o scappa lo sculaccione: la cosa importante, a mio parere, è recuperare e chiedere scusa. Spiegare che si è sbagliato e che ci dispiace... e stranamente i nostri figli ci porteranno ancora più rispetto e da noi impareranno che si può sbagliare e riparare al danno fatto.
Concordo!!!! E mi hai fatto venire in mente la persona che mi ha fatto da padre non ha MAI alzato la voce o le mani, non ha MAI fatto paura. Eppure tutti lo rispettavamo all'inversomile... io spero di poter essere un genitore come lui, perché è stato il miglior esempio che potessi mai avere.
E quando giocava con me era con me sempre al 100%, il suo tempo era il regalo più bello del mondo, lui di regali materiali ne faceva pochi, ma non veniva neanche da chiederli, perché il regalo più bello era averlo lì con me.
Amate le persone, non le cose. Usate le cose, non le persone. (Spencer W. Kimball)

mamma di T. 29/05/2011 e V. 21/07/2014

Avatar utente
crucchina79
Master~GolGirl®
Master~GolGirl®
Messaggi: 6488
Iscritto il: 19 nov 2010, 12:24

Re: TONI POCO RISPETTOSI NEI MIEI CONFRONTI

Messaggio da crucchina79 » 28 lug 2013, 9:43

Lorena ha scritto:
tittiale ha scritto:meno male che non hanno più timore dell'autorità :sorrisoo perché il timore ha effetto (ma che effetto?) a breve termine, ma che insegnamento daremmo ai nostri figli? Che si devono rispettare le regole solo per timore di essere puniti? E che ci si può far rispettare solo incutendo paura?
No, aspetta... io non intendo che i figli devono avere paura dei genitori...ma solo che devono riconoscere che il genitore è una figura da rispettare.... voglio dire, le maestre di scuola ci riescono, ma senza incutere paura.... perchè un genitore no?? io vorrei che mia figlia mi rispettasse in quel senso...
e con le maestre (sempre, anche all'asilo) certe cose non le dice e non le fa....perche??? perche sa che non si fa... mica perchè poi la maestra le fa chissà che cosa....
Secondo me i genitori sono da rispettare se meritano rispetto. Non a prescindere. Il rispetto si conquista giorno per giorno... e loro ci mettono alla prova continuamente per questo!
Amate le persone, non le cose. Usate le cose, non le persone. (Spencer W. Kimball)

mamma di T. 29/05/2011 e V. 21/07/2014

Avatar utente
tittiale
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 14780
Iscritto il: 6 set 2006, 11:19

Re: TONI POCO RISPETTOSI NEI MIEI CONFRONTI

Messaggio da tittiale » 28 lug 2013, 11:36

Lorena ha scritto:
tittiale ha scritto:meno male che non hanno più timore dell'autorità :sorrisoo perché il timore ha effetto (ma che effetto?) a breve termine, ma che insegnamento daremmo ai nostri figli? Che si devono rispettare le regole solo per timore di essere puniti? E che ci si può far rispettare solo incutendo paura?
No, aspetta... io non intendo che i figli devono avere paura dei genitori...ma solo che devono riconoscere che il genitore è una figura da rispettare.... voglio dire, le maestre di scuola ci riescono, ma senza incutere paura.... perchè un genitore no?? io vorrei che mia figlia mi rispettasse in quel senso...
e con le maestre (sempre, anche all'asilo) certe cose non le dice e non le fa....perche??? perche sa che non si fa... mica perchè poi la maestra le fa chissà che cosa....
Lorena, i bambini con i genitori si permettono di fare e dire cose che agli altri "esterni" non direbbero/farebbero mai. Ma questo perché i genitori danno amore incondizionatamente, mentre con gli altri adulti di riferimento cercano di conquistarsi le loro attenzioni e il loro affetto. "Mamma e papà mi amano qualsiasi cosa io dica/faccia" ed è sano e giusto che i nostri bimbi pensino questo. è assolutamente normale che con gli altri si comportino meglio che con noi genitori... vogliono piacere agli altri ed è solo in famiglia che tirano fuori il "peggio di loro" (in fondo lo facciamo anche noi, no?).
Sì, Lorena, so che non intendevi dire che i bambini devono avere paura di noi :sorrisoo mi riallacciavo solo al discorso scritto da gattina...
Un episodio: poco tempo fa i miei bimbi sono venuti a casa a far merenda con i compagni di asilo e le maestre. Al momento di andarsene le maestre hanno detto a due bimbi di riordinare i giochi e loro senza dire nulla hanno ubbidito. In battuta ho detto loro: "Ditemi il vostro segreto... la vostra ricetta magica". E loro: "Nessuna, anche noi a casa perdiamo i poteri e facciamo fatica con i nostri figli". E poi, ridendo, hanno detto ai miei di sistemare: sono scattati come soldatini, cosa che non fanno mai. A scuola, all'asilo, le regole sono diverse e anche più restrittivi e i nostri figli non fanno altro che adattarsi al contesto in cui si trovano (Manuel e Sofia quando hanno riordinato erano,non i miei figli, ma bambini dell'asilo :sorrisoo ). Questo non toglie che facciamo fatica e che a volte vorremmo avere i poteri magici delle maestre: ma il rapporto con i nostri bambini è un altro, nel bene e nel male. E allora sottolineiamo il bene e sopportiamo il male :sorrisoo
Giustissimo mettere dei limiti, dire cosa tolleriamo e cosa no, cosa è concesso e cosa no e i figli metteranno sempre a dura prova i limiti (e la pazienza) perché hanno bisogno di sentire che ci siamo, che li conteniamo e li guidiamo.
A una certa età sanno cosa è giusto e cosa è sbagliato (alcune cose... non tutto), ma crescendo sembra che ci provochino per vedere se con l'età acquisiscano anche "vantaggi" e tentano di alzarci al nostro livello: sta a noi sottolineare che noi rimaniamo sempre e comunque i loro genitori e che se con gli amici parlano in un certo modo (ma speriamo non così!), con noi non possono.
E purtroppo per fortuna ha ragione Crucchina: anche se siamo i genitori dobbiamo conquistarci il loro rispetto, non ci viene dato a prescindere...
`·.,¸¸,.·´¯ Titti&Ale con Manuel *15/2/2007, Sofia *27/1/2009, Mirco *20/1/2012 e Nicolò *27/3/2015¯`·.,¸¸,.·´

Avatar utente
Lorena
Master~GolGirl®
Master~GolGirl®
Messaggi: 5140
Iscritto il: 20 mag 2005, 13:35

Re: TONI POCO RISPETTOSI NEI MIEI CONFRONTI

Messaggio da Lorena » 28 lug 2013, 15:10

tittiale ha scritto:Al momento di andarsene le maestre hanno detto a due bimbi di riordinare i giochi e loro senza dire nulla hanno ubbidito. In battuta ho detto loro: "Ditemi il vostro segreto... la vostra ricetta magica". E loro: "Nessuna, anche noi a casa perdiamo i poteri e facciamo fatica con i nostri figli".
beh, con questo hai detto veramente tutto :sorrisoo
Grazie , questa risposta mi chiarisce tante cose :ok Grazie anche a tutte le altre :emozionee
»-(¯`v´¯)-» Lorena »-(¯`v´¯)-»
•°o.O Samantha 30/06/2005 O.o°• •°o.O Clarissa 22/12/2009 O.o°•

Avatar utente
tittiale
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 14780
Iscritto il: 6 set 2006, 11:19

Re: TONI POCO RISPETTOSI NEI MIEI CONFRONTI

Messaggio da tittiale » 29 lug 2013, 17:01

Lorena ha scritto:
tittiale ha scritto:Al momento di andarsene le maestre hanno detto a due bimbi di riordinare i giochi e loro senza dire nulla hanno ubbidito. In battuta ho detto loro: "Ditemi il vostro segreto... la vostra ricetta magica". E loro: "Nessuna, anche noi a casa perdiamo i poteri e facciamo fatica con i nostri figli".
beh, con questo hai detto veramente tutto :sorrisoo
Grazie , questa risposta mi chiarisce tante cose :ok Grazie anche a tutte le altre :emozionee
grazie a te. Hai dato degli spunti molto utili di riflessione. Buone fatiche :risatina:
`·.,¸¸,.·´¯ Titti&Ale con Manuel *15/2/2007, Sofia *27/1/2009, Mirco *20/1/2012 e Nicolò *27/3/2015¯`·.,¸¸,.·´

Avatar utente
lalat
Silver~GolGirl®
Silver~GolGirl®
Messaggi: 15424
Iscritto il: 20 mag 2005, 10:02

Re: TONI POCO RISPETTOSI NEI MIEI CONFRONTI

Messaggio da lalat » 30 lug 2013, 17:42

Io ho notato una cosa e non so se riguarda me sola o se anche altre si rispecchiano in questa situazione. Fino ad una certa età, cioè fino a 6/7 anni non ho avuto assolutamente problemi ad avere pazienza, a capire, immedesimarmi nei loro problemi. Adesso mi fanno venire proprio i nervi ... non so perché ma ... è come se avessi esaurito la pazienza ... o come se ne avessi avuta troppa prima e ora non ne posso più.
Alessia, Davide 02/12/2004 e Fabio 24/09/2006

Avatar utente
zanchese
Master~GolGirl®
Master~GolGirl®
Messaggi: 6421
Iscritto il: 14 nov 2005, 16:13

Re: TONI POCO RISPETTOSI NEI MIEI CONFRONTI

Messaggio da zanchese » 30 lug 2013, 18:57

Forse ti stai rendendo conto che stanno crescendo e le frase "vabbé sono bambini" calza sempre meno.
In effetti mio figlio ha 7 anni ed è abbastanza bravo, urlo oggettivamente molto meno, ma quelle poche volte che lo faccio raggiungo acuti che non avevo mai raggiunto... :risatina:
Silvestro è nato il 21 luglio 2006
- Mamma, uffa, io voglio fare tutto quello che vogliooooo!

Avatar utente
val978
Silver~GolGirl®
Silver~GolGirl®
Messaggi: 18660
Iscritto il: 18 feb 2010, 18:04

Re: TONI POCO RISPETTOSI NEI MIEI CONFRONTI

Messaggio da val978 » 31 lug 2013, 11:40

tittiale ha scritto:
Lorena ha scritto:
tittiale ha scritto:Al momento di andarsene le maestre hanno detto a due bimbi di riordinare i giochi e loro senza dire nulla hanno ubbidito. In battuta ho detto loro: "Ditemi il vostro segreto... la vostra ricetta magica". E loro: "Nessuna, anche noi a casa perdiamo i poteri e facciamo fatica con i nostri figli".
beh, con questo hai detto veramente tutto :sorrisoo
Grazie , questa risposta mi chiarisce tante cose :ok Grazie anche a tutte le altre :emozionee
grazie a te. Hai dato degli spunti molto utili di riflessione. Buone fatiche :risatina:
Una delle mie più care amiche insegna in un nido (ed è bravissima) ma a casa ha 3 figli e ti garantisco che è esattamente come tutte noi! (anzi forse ha pure meno pazienza, perchè ne spende moltissima nel suo lavoro! :risatina: )

Oggi mio padre mi ha raccontato che ha dei problemi con la nostra cagna: quando deve mettere il guinzaglio, e lui lo chiama e lei scappa, quando lei sale in macchina inizia a saltare su tutti i sedili e non si fa mettere il guinzaglio. Gli ho fatto notare che ha lo stesso problema con Valerio, e che in questo momento ce l'hanno solo con lui (sia io che mia madre che mia sorella gestiamo serenamente sia il cane che valerio), quindi deve trovare un'altra strategia, e con entrambi, non innervosirsi, non lasciar intendere che il loro "capriccio" lo fa innervosire, tentare di distrarlo, di giocare in un altro modo, e poi con nonchalance ritornare a mettergli in guinzaglio (o metterlo sul seggiolino, in caso di bambino :risatina: ).

Forse sono banalità, io non sono nè una psicologa nè un'educatrice cinofila, ma sono meccanismi abbastanza semplici che possono aiutarci a non perdere le staffe!

Avatar utente
lory75
Expert~GolGirl®
Expert~GolGirl®
Messaggi: 2235
Iscritto il: 27 feb 2010, 14:14

Re: TONI POCO RISPETTOSI NEI MIEI CONFRONTI

Messaggio da lory75 » 30 ott 2013, 13:01

la situazione qua nn è cambiata, anzi mi alza pure le mani.
nn so proprio cosa fare! nel tempo ho cercato di farle capire che è giusto essere arrabbiata, ma che le mani nn si alzano, che deve trovare un proprio modo di sfogarsi, ma penso che lei abbia approfittato di questa mia comprensione, così drighigna i denti, fa la scenata, dice "nn lo capisci che sono arrabbiata" e cn questo pretende di farsi ragione e continua a gridare o darmi pizzichi, morsi.
devo ammettere che lo fa, nn dico con dolcezza, ma accennando, cercando di nn farmi male, raramente sul serio, ma nn lo tollero più!
E' sempre una mancanza di rispetto, a volte le faccio notare che anch'io sono arrabbiata ma che evito di alzare le mani, lo faccio proprio perchè ho pensato che il fatto che io nn reagissi poteva essere interpretato come un "mi va bene come ti comporti", invece io nn rispondevo solo per evitare di alzare i toni del litigio.
Ma neanche questo funzionava e devo ammettere che dopo averle provate tutte, o dopo aver visto che alza le mani sulla sorella o sul fratellino (anche il solo fare il gesto), allora perdo anch'io la pazienza.
Cerco di lodarla quando riesce a trattenersi, quando evita (perchè cmq nn è sempre solo colpa sua, anche la sorella stuzzica).
veramente nn so come altro fare, mi sono anche informata se a scuola ci fosse una forma di sostegno psicologico, ma a quanto pare è previsto solo per le famiglie dei disabili
Mamma di Simona (23.09.05), Giorgia (12.07.07) e Riccardo (02.11.10)

Avatar utente
tittiale
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 14780
Iscritto il: 6 set 2006, 11:19

Re: TONI POCO RISPETTOSI NEI MIEI CONFRONTI

Messaggio da tittiale » 31 ott 2013, 16:20

Ciao Lory, cosa fai tu, cosa fa il papà quando Simona alza le mani?
`·.,¸¸,.·´¯ Titti&Ale con Manuel *15/2/2007, Sofia *27/1/2009, Mirco *20/1/2012 e Nicolò *27/3/2015¯`·.,¸¸,.·´

Avatar utente
lory75
Expert~GolGirl®
Expert~GolGirl®
Messaggi: 2235
Iscritto il: 27 feb 2010, 14:14

Re: TONI POCO RISPETTOSI NEI MIEI CONFRONTI

Messaggio da lory75 » 31 ott 2013, 23:02

io cerco di bloccarla e di farla ragionare, parlandole, le spiego che "violenza chiama violenza", che nn porta a nulla, nn è un modo di farsi ragione, ma avverto proprio che lei ha bisogno di sfogare la rabbia, ma come insegnare a incanalarla da un'altra parte?
Ho anche cercato di farle notare quando sono io arrabbiata, la avverto a parole, le dico che anch'io vorrei sfogarmi ma che quello nn è un modo corretto, proprio per farle capire che è normale provare quelle sensazioni, ma che nn si reagisce in quel modo.
Allora mi sono anche inventata di abbracciarci quando siamo così arrabbiate, ma spesso nn serve e nell'abbraccio lei mi aggredisce.
In questi due giorni è andata meglio, dopo l'ennesima spiegazione, le ho detto che così rimane sola, che anche i suoi fratelli da grandi nn le vorranno stare accanto se lei si comporta così, lei mi guardava come tante altre volte ha fatto, sembrava capire, però questa volta sembra aver capito veramente.
continua a litigare, ad esprimere la sua rabbia, però si ferma alle parole, la elogio per questo e :incrocini spero che continui ad andare veramente in questo senso.
Mamma di Simona (23.09.05), Giorgia (12.07.07) e Riccardo (02.11.10)

Avatar utente
tittiale
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 14780
Iscritto il: 6 set 2006, 11:19

Re: TONI POCO RISPETTOSI NEI MIEI CONFRONTI

Messaggio da tittiale » 1 nov 2013, 11:59

Potresti provare anche a usare pochissime parole in quei momenti: una volta riconosciuta la sua rabbia ("mi sembri arrabbiata") le dici semplicemente che quei comportamenti non sono tollerati e la fai sedere in un posto tranquillo (anche lì con te, non necessariamente in un'altra stanza da sola), ma non le dai attenzione. Dopo poco le chiedi se si è calmata, se dice no o manifesta ancora atteggiamenti aggressivi le dici di stare seduta finché non si sente più calma.... Quando è più tranquilla le dai le attenzioni che le hai negato prima e la lodi perché è riuscita a calmarsi in maniera adeguata.
Un altro modo è quello di farle fare una corsa (non so se hai la possibilità di farla uscire di casa immediatamente per sfogarsi in cortile....): con il movimento fisico i bambini, ma anche gli adulti, sfogano la rabbia.
Cose così...
Non tratterei questa cosa con tante parole, ma più con i comportamenti, conseguenza delle sue azioni...
Aspetto aggiornamenti :sorrisoo
`·.,¸¸,.·´¯ Titti&Ale con Manuel *15/2/2007, Sofia *27/1/2009, Mirco *20/1/2012 e Nicolò *27/3/2015¯`·.,¸¸,.·´

Rispondi

Torna a “PSICOLOGICAMENTE PARLANDO: ESSERE GENITORI”