GravidanzaOnLine: il Forum

Prima, durante e dopo la gravidanza

 

Giappone in agosto

Spostarsi da soli o con i bimbi per lunghi, brevi o anche brevissimi viaggi.
Dubbi, consigli e guide su come muoversi senza spostare la casa.
ValeBXL
Original~GolGirl®
Original~GolGirl®
Messaggi: 1168
Iscritto il: 10 gen 2012, 9:28

Re: Giappone in agosto

Messaggio da ValeBXL » 18 apr 2018, 23:02

Da Tokyo siamo andati a Tokyo, dopo aver attivato il Japan Rail Pass, con lo shinkansen, il treno veloce. Il pass di 7 giorni vale la pena se vai oltre Kyoto, e rientri a Tokyo il settimo giorno (cosa che noi abbiamo fatto). Nel viaggio si può vedere il monte Fuji, se si chiedono i posti a destra del treno e se è sereno. Noi l'abbiamo visto. Un cono perfetto, è il simbolo del Giappone, ma è molto simile a tanti vulcani che ho visto in Sudamerica.
Kyoto, come dicevo, avrebbe meritato un giorno in più dei tre che gli abbiamo dedicato. Conviene alloggiare vicino alla stazione, perché da li' partono, a raggiera, tutti i treni e i bus che ti portano nelle varie aree da visitare. Quando ci siamo stati noi era affollatissima, per i bus c'erano file interminabili. Cosi' abbiamo girato molto a piedi, in treno dove possibile e un giorno in bici.
Il primo giorno abbiamo visto downtown, il mercato tradizionale, il tempio Kiyomizu Dera e la zona storica intorno, il parco di Maruyama (con il famoso ciliegio piangente e gli hanami party in pieno svolgimento), Gion (il quartiere delle geishe) e i suoi canali. Avevamo lasciato indietro il resto del gruppo (che ha preferito partire dopo da Tokyo perché temeva l'ora di punta nel metro', in realtà noi non abbiamo avuto nessun problema) e non mi funzionava il gps sulla mappa, quindi ho provato l'ebbrezza di perdermi e poi ritrovarmi (a volte fa bene anche andare un po' a caso, senza seguire sempre google maps). Il tempio Kiyomizu Dera è completamente coperto per restauro, ma i vari templi e pagode intorno sono comunque interessanti, non fosse che era quasi impossibile muoversi dalla folla. Lo stesso vale per le bellissime vie con le case di legno sotto il tempio, piene di negozi di artigianato, ristoranti, ryokan di lusso. Questa è stata la zona più piena di gente che ho visto, quindi era un po' difficile godersi l'esperienza.
Perdendomi ho scoperto vari templi minori (di cui non so il nome, perché era scritto solo in giapponese), molto più tranquilli. Non so bene come siamo riuscite ad arrivare a Gion, e li', anche se c'era gente, era molto più vivibile. Ho bellissime foto dei canali con i ciliegi in fiore, di due geishe (vere o false, non lo so), dei ristoranti di lusso con le lucine sui canali. Avrei voluto tornarci un'altra sera, pero' poi eravamo sempre troppo stanchi. E' un quartiere sicuramente da visitare all'imbrunire, quando si accendono le luci e le lanterne e vieni trasportato in un'altra epoca.
Questo articolo è stato pubblicato il giorno prima che arrivassimo a Kyoto:
https://www.japan-guide.com/blog/sakura ... kyoto.html
Vi posso assicurare che era proprio cosi', un tripudio di fiori e di colori. Li' vedete alcuni dei posti che ho nominato, e gli altri che abbiamo visitato i giorni seguenti.

ValeBXL
Original~GolGirl®
Original~GolGirl®
Messaggi: 1168
Iscritto il: 10 gen 2012, 9:28

Re: Giappone in agosto

Messaggio da ValeBXL » 24 apr 2018, 11:24

Il secondo giorno a Kyoto l'abbiamo passato a Nara (a un'ora di treno). Nara è una delle città imperiali (ebbene si', il Giappone ha svariate città imperiali perchè, per un certo periodo, ogni imperatore ne sceglieva una nuova). E' molto piacevole da visitare perchè tutti i monumenti principali si trovano in un enorme parco. Quindi, anche se ci sono tanti turisti, ci si disperde e, soprattutto nei templi più lontani, non c'è troppa gente. E' una visita che piace molto anche ai bambini perchè il parco è pieno di daini, che si possono nutrire (solo con le gallette che vendono sul posto). Inutile dirlo, anche qui lo spettacolo dei ciliegi in fiore è stato incredibile.
Il tempio principale è il Todaiji, che contiene una enorme statua di Buddha: https://www.japan-guide.com/e/e4100.html
Quello che a me è piaciuto di più è stato pero' il santuario shintoista Kasuga Taisha, con i suoi viali di lanterne coperte di muschio: https://www.japan-guide.com/e/e4102.html
Assolutamente da non mancare il giardino Isuien, uno dei più belli che ho visto: https://www.japan-guide.com/e/e4114.html Visto che l'ingresso era a pagamento, era molto tranquillo e sicuramente ispirava alla meditazione. Ci sono delle sale da the molto belle nel giardino, ma, se come me non apprezzate il the tipico delle cerimonie del the (macha), la bellezza del paesaggio non compensa l'amaro del the.
Molto piacevole da vedere è anche la parte vecchia della città, sulla strada del ritorno verso la stazione. Ci sono dei locali per la degustazione del saké e bei negozi di artigianato.

Avatar utente
SuzieQ
Silver~GolGirl®
Silver~GolGirl®
Messaggi: 16020
Iscritto il: 10 feb 2010, 14:50

Re: Giappone in agosto

Messaggio da SuzieQ » 25 apr 2018, 12:01

Io mi salvo tutto!

Inviato dal mio WAS-LX1A utilizzando Tapatalk
I'm a Bitch I'm a Lover I'm a child I'm a Mother 2010 & 2015
Just because you're offended, doesn't mean you're right ( R.Gervais)

ValeBXL
Original~GolGirl®
Original~GolGirl®
Messaggi: 1168
Iscritto il: 10 gen 2012, 9:28

Re: Giappone in agosto

Messaggio da ValeBXL » 25 apr 2018, 16:00

Suzie, io sto scrivendo tutto perché in diverse mi avevate detto di essere interessate a questo viaggio. Se avete domande, chiedete pure.
Il giorno successivo è stato quello della gita in bici. Ma prima di partire in bici, io avevo previsto la sveglia alle 6 per andare a vedere il santuario Fushimi Inari, che avrete sicuramente visto in fotografia, con le sue centinaia di porte rosse che salgono su una collina. Solo in due hanno avuto il coraggio di seguirmi (le figlie le ho lasciate al ryokan a dormire). Si arriva molto velocemente con il treno e l'ingresso del santuario è appena usciti dalla stazione. C'è un percorso per salire fino in cima alla collina che si fa tranquillamente in un'oretta. Oltre alle porte che si susseguono, ci sono svariate statue di volpi (il santuario è dedicato alle attività commerciali e la volpe le rappresenta) e tante lanterne e piccoli templi. Eccolo qui: https://www.japan-guide.com/e/e3915.html
Tornati al ryokan alle 8.30, ci abbiamo messo più di un'ora per essere tutti pronti a partire in bici (cosa immaginabile, visto che c'erano 11 bambini). Le bici non costano molto (meno di 10 eur per una giornata), e, con il senno di poi, avremmo potuto affittarle anche altri giorni. Kyoto è prevalentemente piatta, a parte quando ci si avvicina ad alcuni templi, costruiti sulle colline che circondano la città. Noi quel giorno abbiamo fatto più di 40 km, arrivando fino alla periferia est della città. Non ci sono molte piste ciclabili (a parte lungo i canali), ma i ciclisti vanno anche sui marciapiedi. Con una buona mappa con geolocalizzazione ci si sposta facilmente, anche perché si possono prendere stradine secondarie e evitare le vie più trafficate. Come succede spesso nelle città giapponesi, si passa velocemente da vie moderne con i palazzi a piccole stradine con le lanterne, casette, santuari, che sembrano uscite da un'altra era.

ValeBXL
Original~GolGirl®
Original~GolGirl®
Messaggi: 1168
Iscritto il: 10 gen 2012, 9:28

Re: Giappone in agosto

Messaggio da ValeBXL » 25 apr 2018, 18:32

Continuo visto che sto sistemando le foto proprio di questa giornata, e mi tornano in mente tutti i dettagli.
Con le bici siamo partiti dalla zona stazione e, lungo il canale, siamo saliti verso nord. Siamo passati per il parco del palazzo imperiale. I giardini imperiali si possono visitare solo su prenotazione e non sono ammessi bambini. Alcuni dei miei amici sono riusciti ad andarci l'ultimo giorno (apertura straordinaria senza prenotazione, per la fioritura dei ciliegi), e mi hanno detto che sono molto belli. Peccato che la guida parlasse solo giapponese :ahaha .
Lo stop successivo è stato il tempio forse più famoso di Kyoto, il Padiglione dorato (Kinkaku-ji). Oltre ad essere perfetto architettonicamente parlando, questo tempio è inserito in un contesto da cartolina, con il laghetto e un'isoletta con l'albero davanti. Non ci si può aspettare la tranquillità qui, si gira intorno al tempio in fila con gli altri centinaia di turisti. Se lo volete vedere: https://www.japan-guide.com/e/e3908.html (le mie foto sono anche migliori, la giornata era stupenda e la luce perfetta).
Dopo il Kinkaku-Ji, io avevo previsto un paio di templi minori, un po' più fuori (per avere meno folla) e poi il tempio con il giardino zen Ryoan-Ji. Purtroppo, causa il ritardo alla partenza, per i templi minori non c'è stato tempo, e mi è molto dispiaciuto (uno dei motivi per cui avrei voluto avere un giorno in più a Kyoto). Il tempio Ryoan-Ji comunque mi ha consolato, non tanto per il famoso giardino zen di pietra (bello, ma anche qui difficile lasciarsi andare alla meditazione nella folla), ma per il stupendo giardino che si attraversa per arrivarci. Anche qui, laghetto con isola con alberi al centro, e tantissimi alberi di ciliegio fioriti tutto intorno, fino alle colline, bianchi e rosa. All'inizio pensavo che anche se non arrivavamo a Kyoto con la piena fioritura, non era cosi' importante, ma mi sono ricreduta, lo spettacolo è qualcosa di indescrivibile. Qui vedete il tempio Ryoan-Ji e il giardino:https://www.japan-guide.com/e/e3909.html Anche qui le mie foto sono migliori, forse potrei provare a venderle a Japan Guide :ahaha .

ValeBXL
Original~GolGirl®
Original~GolGirl®
Messaggi: 1168
Iscritto il: 10 gen 2012, 9:28

Re: Giappone in agosto

Messaggio da ValeBXL » 2 mag 2018, 9:23

Nel tardo pomeriggio siamo arrivati a Arashiyama, un quartiere tradizionale nella periferia ovest della città. Qui il programma era di vedere la foresta di bambu', una villa, un giardino e il monkey park (quest'ultimo soprattutto per parte dei bambini, che non avevano mai visto scimmie in libertà). In realtà, abbiamo perso più di un'ora a cercare un parcheggio per le bici. Una cosa da sapere è che in Giappone le bici non si lasciano un po' dove vi pare, come nel resto del mondo, ma bisogna parcheggiarle nei posti appositi (alcuni a pagamento). Fino a quel momento avevamo sempre trovato i parcheggi vicino all'entrata dei templi, ma, all'ingresso della foresta di bambu', il parcheggio non c'era. Abbiamo provato discretamente a lasciarle in un posto dove non davano fastidio, ma tempo 2 minuti si è fermata una signora in auto per dirci di toglierle immediatamente. Dopo svariati tentativi, con aiuto di vari giapponesi che ci hanno fatto da interpreti, siamo riusciti a capire che c'era un parcheggio vicino al tempio che volevamo visitare, con accesso diretto alla foresta. Purtroppo si era fatto tardi, quindi niente monkey park; tempio, giardino e foresta di bambu' visitati molto di fretta. Arashiyama avrebbe meritato più tempo, le vie tradizionali erano piene di gente che si godeva i ciliegi in fiore, c'erano negozi di artigianato ovunque, un fiume dove si potevano affittare le barche a remi. Se mai dovessi tornare a Kyoto, dedichero' almeno mezza giornata a questo quartiere. Il rientro fino alla stazione ha preso più di un'ora (ma molto piacevole, passando per vicoli che sembravano usciti da un film) e siamo arrivati mezz'ora in ritardo a restituire le bici. Il gestore non ci ha comunque detto niente, penso fosse sollevato di vederci tornare tutti sani e salvi e con le bici intere :ahaha .

Avatar utente
SuzieQ
Silver~GolGirl®
Silver~GolGirl®
Messaggi: 16020
Iscritto il: 10 feb 2010, 14:50

Re: Giappone in agosto

Messaggio da SuzieQ » 2 mag 2018, 14:00

Ma dai che peccato per le scimmie! Come era invece la foresta di bambù? Io adoro i bambù!!

Inviato dal mio WAS-LX1A utilizzando Tapatalk
I'm a Bitch I'm a Lover I'm a child I'm a Mother 2010 & 2015
Just because you're offended, doesn't mean you're right ( R.Gervais)

ValeBXL
Original~GolGirl®
Original~GolGirl®
Messaggi: 1168
Iscritto il: 10 gen 2012, 9:28

Re: Giappone in agosto

Messaggio da ValeBXL » 2 mag 2018, 16:58

Per le scimmie, non mi è dispiaciuto particolarmente non averle viste, visto che comunque ne abbiamo viste già tante in Africa e Costa Rica. La cosa interessante è che in questo monkey park, invece di essere in gabbia le scimmie, sei in gabbia tu :ahaha . Sarei stata più interessata a vedere i macachi giapponesi alle terme
https://www.japanvisitor.com/japan-natu ... se-macaque
ma ci voleva una gita di un giorno, e non c'era tempo.
La foresta di bambu' di Arashiyama è bella, ma affollata e quando siamo arrivati la luce era già troppo bassa
https://www.japan-guide.com/e/e3912.html
Si vedono comunque foreste di bambù, più piccole, anche nei giardini di alcuni templi (ad esempio, a Kamakura).

ValeBXL
Original~GolGirl®
Original~GolGirl®
Messaggi: 1168
Iscritto il: 10 gen 2012, 9:28

Re: Giappone in agosto

Messaggio da ValeBXL » 7 mag 2018, 9:27

Il giorno successivo l'abbiamo dedicato alla parte est di Kyoto. Avevamo i biglietti per la danza di primavera delle geishe, uno spettacolo che fanno solo nel mese di aprile (Miyako odori: http://www.miyako-odori.jp/english/). Purtroppo il teatro dove lo fanno abitualmente, a Gion, è chiuso per restauro, quindi l'hanno spostato nella zona universitaria, che è per l'appunto a est della città. In ogni caso anche in questa parte della città c'è molto da vedere, inclusa la famosa Passeggiata del fisolosofo, che con i ciliegi in fiore era particolarmente suggestiva.
https://www.insidekyoto.com/walking-the ... philosophy
Ai due estremi della passeggiata ci sono due templi interessanti: Eikan-do e Ginkaku-ji (il padiglione d'argento). Lungo la passeggiata ci sono tanti piccoli templi e anche le tipiche statue in pietra delle divinità dei boschi. Il Ginkaku-ji era molto affollato; più che il tempio in sé, a me è piaciuto il giardino e il giardino zen. Dopo il tempio Eikan-do, c'è una ferrovia dismessa con un tripudio di alberi di ciliegio rosa (sembra fosse il posto preferito per gli sposi per farsi le foto :ahaha ).
Il Miyako-Odori è da vedere per avere un'idea della bravura artistica delle geishe. Le geishe ci sono ancora, ma, diversamente dal passato, quando le bambine venivano vendute per diventare geishe, ora è una professione che viene scelta. Le ragazze che vogliono diventarlo studiano le varie arti, canto, danza, strumenti musicali, conversazione. Prima dello spettacolo noi abbiamo provato la cerimonia del the. Interessante, ma il the macha e il dolcetto di fagioli non hanno trovato molti estimatori nel nostro gruppo (a parte una delle ragazze, che si è mangiata anche quelli degli altri). Al teatro c'erano molte signore "bene", con kimono stupendi, che passavano la maggior parte del tempo a farsi inchini l'un l'altra. Il tema dello spettacolo sono le quattro stagioni, con il culmine, ovviamente, la primavera e i suoi alberi di ciliegio. E' una danza molto lenta, incentrata sulla grazia e il controllo dei movimenti. Stupendi costumi e pettinature. Per chi fosse interessata, il sito ufficiale (link precedente) ha un video.
Il nostro ultimo pomeriggio a Kyoto è terminato al Tokyu Hands, grande magazzino di accessoristica che consiglio caldamente, anche per comprare regalini e souvenir. C'è in tutte le grandi città e noi ne siamo uscite con dei bento molto carini. Un altro posto che consiglio per i souvenir è la via dei negozi per la cucina, Kappabashi, a Tokyo.

ValeBXL
Original~GolGirl®
Original~GolGirl®
Messaggi: 1168
Iscritto il: 10 gen 2012, 9:28

Re: Giappone in agosto

Messaggio da ValeBXL » 8 mag 2018, 8:55

Da Kyoto abbiamo preso un treno veloce per Hiroshima. Quando ho programmato l'itinerario, ero incerta se andare cosi' lontano e mi chiedevo se non valeva la pena stare qualche giorno in più nella zona di Kyoto e vedere anche le montagne. Dall'altra, avevo veramente voglia di andare a Hiroshima. Da adolescente avevo letto la storia di Sadako, la bambina malata di leucemia a causa della bomba atomica, che faceva gli origami delle gru perchè pensava che, se ne avesse fatte mille, sarebbe guarita. Con il senno di poi, ho fatto bene, penso che, se sia va in Giappone, sia doveroso visitare Hiroshima. Avevo letto con mia figlia più piccola il libro con la storia di Sadako, tutti i bambini avevano fatto i loro origami delle gru, quindi erano preparati. Hiroshima è una bella città moderna e, a parte nel parco della pace, non c'è traccia di quello che è successo. Quando siamo arrivati al parco, davanti al palazzo con il duomo parzialmente distrutto, ci sono dei volontari che raccontano quello che è successo e mostrano libri fotografici. C'era un sopravvissuto (che parlava solo giapponese) e una signora "sopravvissuta in utero", che spiegava ai bambini come fare l'origami della gru. C'è l'arco della pace, il monumento commovente ai bambini morti (dove abbiamo lasciato tutte le nostre gru) e, infine, il museo. Questa è sicuramente la visita più sconvolgente. Attualmente si puo' vedere solo una parte della collezione, perchè il museo è in fase di ampliamento, ma è sufficiente. C'è tutta la ricostruzione storica degli eventi, le foto della città prima e dopo e la serie di reperti raccolti dopo l'esplosione. La parte più terribile è la sala che presenta i racconti delle mamme dei bambini che, sorpresi dall'esplosione mentre erano a scuola, sono riusciti a tornare a casa per poi morire. Vicino ai racconti ci sono i loro libri, le loro uniformi e i loro giochi.
Dopo la visita eravamo tutti un po' turbati, ma era già passata l'ora di pranzo, e ci siamo risollevati con la specialità culinaria di Hiroshima: l'okonomiyaki. Si tratta di un piatto con due crepes, ripiene con cavolo e verdure varie, e con tutto quello che ci vuoi mettere (carne, pesce, uova, frutti di mare). Il posto dove andare a mangiarli a Hiroshima è Okonomi-mura: http://www.okonomimura.jp/foreign/english.html
Ci sono diversi stand, tu ti siedi attorno alla piastra e te li cucinano davanti a te. Noi abbiamo scelto il ristorante di due vecchiette (probabilmente sorelle) che non parlavano mezza parola d'inglese. L'okonomiyaki era delizioso, ma la parte più interessante dell'esperienza è stata vederle preparare il cibo.
Dopo un breve giro in centro a Hiroshima, abbiamo ripreso il treno per andare alla cittadina di Miyajima-guchi, sul mare, di fronte all'isola di Miyajima. A Hiroshima sarebbe valsa la pena di passare qualche ora in più, ma avevamo fatto la scelta di stare più vicino a Miyajima, per poter passare un giorno intero sull'isola.

ValeBXL
Original~GolGirl®
Original~GolGirl®
Messaggi: 1168
Iscritto il: 10 gen 2012, 9:28

Re: Giappone in agosto

Messaggio da ValeBXL » 11 mag 2018, 14:39

Anche su Miyajima, ero stata incerta se visitarla o meno, avevo paura che fosse troppo turistica. I turisti c'erano, ma si concentravano tutti nella zona dei negozi e nel lungomare. Se si percorre il sentiero che sale sul monte Misen, oltre a fare un trekking stupendo (anche se faticoso, è tutto su gradini!) si è quasi sempre da soli. L'immagine simbolo di Miyajima è il torii rosso in mezzo al mare, ma l'isola è molto più di questo. E' una riserva naturale, quasi tutta ricoperta dalla foresta, con i daini in libertà. Salendo, ci sono ruscelli, tanti templi più o meno grandi, un grande complesso di templi (Daisho-in) raggiungibile solo a piedi (quindi con poca gente) e poi il santuario su palafitte Itsukushima. Ci sono poi tantissime statuette di strani personaggi, che vengono "vestiti" con sciarpe e cappelli lavorati a maglia. Al tempio Daisho-in ce ne sono migliaia. Sono i jizo, protettori dei viaggiatori e dei bambini (quindi anche nostri protettori :ahaha ).
La cosa migliore da fare è alloggiare vicino al porto (o sull'isola, se si vuole spendere), prendere il traghetto la mattina presto, fare il trekking e poi scendere al villaggio la sera, per il tramonto dietro il torii. Quando scende il sole, tutti i templi, le pagode, i canali con i ciliegi prendono un colore bellissimo, ed è il momento migliore per le foto. Per questo tour, devo ringraziare il giapponese che ci affittato casa sua per i consigli che ci ha dato (ci ha pure prestato le bacchette per il trekking, decisamente utili). Un giapponese atipico, perché parlava inglese e ha deciso di affittare casa per incontrare stranieri. Quando ci ha visto sbarcare con 10 bambini, ha pure chiamato i suoi genitori perché non si capacitava di vedere tanti bambini insieme. I genitori sono stati un paio d'ore a giocare con loro, senza parlare una sola parola di inglese (o di un'altra lingua comune).
Una cosa che ho notato in Giappone è che si vedono pochissimi bambini in giro. Quelli piccolissimi si', con le mamme nei marsupi, ma dopo non ce ne sono più, né nei parchi, né nelle città, né nei ristoranti. La spiegazione che mi sono data è che già dalle elementari sono presissimi dallo studio, poveri :buuu .

Avatar utente
SuzieQ
Silver~GolGirl®
Silver~GolGirl®
Messaggi: 16020
Iscritto il: 10 feb 2010, 14:50

Re: Giappone in agosto

Messaggio da SuzieQ » 25 mag 2018, 20:42

Che bel contributo!
Peccato per i pochi bimbi in giro. Cmq è curioso.

Inviato dal mio WAS-LX1A utilizzando Tapatalk
I'm a Bitch I'm a Lover I'm a child I'm a Mother 2010 & 2015
Just because you're offended, doesn't mean you're right ( R.Gervais)

ValeBXL
Original~GolGirl®
Original~GolGirl®
Messaggi: 1168
Iscritto il: 10 gen 2012, 9:28

Re: Giappone in agosto

Messaggio da ValeBXL » 28 mag 2018, 9:17

La società giapponese è molto particolare, e, per certi aspetti, alienante. Io avevo letto molto prima di andarci e molte cose sono state confermate. Non è un paese in cui vivrei.
Per finire il mio resoconto, l'ultima tappa, di nuovo a Tokyo. Abbiamo preso il solito treno veloce e ci siamo fermati per 4 ore a Himeji, per vedere il famoso castello. Non tutti siamo entrati perchè c'era troppa fila, ma avevo letto che è più bello visto da fuori che da dentro. Era un castello militare, quindi dentro non è molto decorato, è interessante solo se si vogliono vedere le installazioni di difesa. Invece da fuori era stupendo, bianco con il cielo azzurro, circondato da ciliegi in fiore. Eravamo verso la fine della fioritura, c'era un po' di vento quindi sono riuscita anche a fotografare il castello mentre cadevano i petali. Invece di vedere il castello all'interno, io ho visitato i Kokoen garden, ennesimo esempio di giardini giapponesi perfettamente curati. Cosi' è più o meno come lo abbiamo visto noi:
https://www.japan-guide.com/blog/sakura ... imeji.html
Degli ultimi due giorni fra la parte nord di Tokyo (Ueno e Asakusa) e Nikko avevo già raccontato.
Se volete altri dettagli, chiedete pure. E' stato un viaggio molto interessante, non eccessivamente costoso (rispetto al passato, lo yen si è svalutato e i voli sono diventati meno cari) e sicuramente fattibile con bambini abituati a camminare. Avrei voluto avere qualche giorno in più a Kyoto e mi è mancata un po' la natura (al di là dei parchi). Tornandoci, visiterei sicuramente Koyasan, qualche paesino delle Alpi e l'isola più a nord.

Avatar utente
SuzieQ
Silver~GolGirl®
Silver~GolGirl®
Messaggi: 16020
Iscritto il: 10 feb 2010, 14:50

Re: Giappone in agosto

Messaggio da SuzieQ » 28 mag 2018, 22:39

E' che ha un clima che in dicembre è troppo rigido e in agosto troppo caldo. per me che giro solo in questi periodo è un po blindante...

però sarà sicuramente da fare.
in lista ho da aggiungere sia il Giappone, sia il Sudafrica! e circa un centinaio di itinerari USA... :vvvia:
ma come al solito la mia meta la decide skyscanner... :caduta_sedia:
I'm a Bitch I'm a Lover I'm a child I'm a Mother 2010 & 2015
Just because you're offended, doesn't mean you're right ( R.Gervais)

ValeBXL
Original~GolGirl®
Original~GolGirl®
Messaggi: 1168
Iscritto il: 10 gen 2012, 9:28

Re: Giappone in agosto

Messaggio da ValeBXL » 29 mag 2018, 10:05

Degli amici sono andati a Natale, è vero che fa freddo ma il cielo è quasi sempre sereno. Certo, i parchi non hanno lo splendore della primavera con la fioritura dei ciliegi. Noi siamo fortunati ad avere le due settimane di vacanze scolastiche a Pasqua, è un periodo ideale per visita di molti paesi. Dovessi tornare in Giappone, forse ci andrei a fine ottobre/novembre, per il foliage.
Anche io ho un sacco di itinerari in mente, ma per me il clima è più importante di skyscanner (visto il paese in cui vivo :ahaha ). Tornerei anche domani in Africa (ma farei da Capetown al Kalahari, al sud della Namibia e poi il delta dell'Okavango in Botswana), ma forse l'anno prossimo riusciremo a tornare nell'ovest USA, con Yellowstone e i parchi di Arizona, Utah e Nevada (con più tempo rispetto alla prima volta, ormai vent'anni fa!). Ho poi sempre il sogno nel cassetto di un viaggio fotografico in Asia (senza figlie!), vediamo quando si presenterà l'occasione giusta.

Rispondi

Torna a “GOLLINE E GOLLINI IN VALIGIA: VIAGGI, GITE, VACANZE E WEEK END”