GravidanzaOnLine: il Forum

Prima, durante e dopo la gravidanza

 

Se mamma e papaà non sono sposati! AIUTO!

Come prepararsi psicologicamente all'evento? Dubbi, consigli sul parto e qualche informazione per migliorare la degenza in ospedale.
Avatar utente
mariangelac
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 37679
Iscritto il: 25 gen 2008, 14:54

Re: Se mamma e papaà non sono sposati! AIUTO!

Messaggio da mariangelac » 23 feb 2016, 16:45

primomaggio, non lo sapevo! D perche aveva il cognome del patrigno?
Ciascuno quanto piu interna contentezza gli manca, tanto piu desidera nell'opinione altrui passare per felice. (Schopenhauer)

Avatar utente
MariPi82
Gold~GolGirl®
Gold~GolGirl®
Messaggi: 23909
Iscritto il: 21 ott 2013, 14:32

Re: Se mamma e papaà non sono sposati! AIUTO!

Messaggio da MariPi82 » 23 feb 2016, 16:48

primomaggio ha scritto:Sì esatto, è lei. Questa bimba aveva un cognome diverso da quello della madre e diverso da quello del padre naturale, aveva il cognome del marito di sua madre. Capita mi hai???
Ti lovvo!!!!!!
Chilla forever, Hahaha!

Comunque sì: semplicemente è stata riconosciuta e adottata dall'allora marito della madre. Tutti però sapevano che il padre naturale era l'altro, oggi attuale compagno della madre.
Pietro Roberto 02-01-2013

Avatar utente
MariPi82
Gold~GolGirl®
Gold~GolGirl®
Messaggi: 23909
Iscritto il: 21 ott 2013, 14:32

Re: Se mamma e papaà non sono sposati! AIUTO!

Messaggio da MariPi82 » 23 feb 2016, 16:50

Si crede che la bimba sia stata rapita dalla sorellastra (figlia del padre naturale della bimba) è dalla ex moglie di lui per motivi legati alla gelosia famigliare....
Pietro Roberto 02-01-2013

Avatar utente
primomaggio
Master~GolGirl®
Master~GolGirl®
Messaggi: 7101
Iscritto il: 9 nov 2012, 21:07

Re: Se mamma e papaà non sono sposati! AIUTO!

Messaggio da primomaggio » 23 feb 2016, 16:59

mariangelac, la bimba aveva il cognome del marito di sua madre, perché lei era sposata con un uomo diverso da quello con cui ha concepito la bambina.
Quando io ho partorito ho dovuto dichiarare di non essere sposata, se lo fossi stata con Tizio, il mio uomo, Caio, non avrebbe potuto dire di essere il padre del bambino, per la legge sarebbe stato figlio di Tizio, a meno che Tizio non lo disconoscesse. Perché non chiedi meglio a tuo marito, che così ce lo spieghi meglio a tutte?? :fischia

Avatar utente
MariPi82
Gold~GolGirl®
Gold~GolGirl®
Messaggi: 23909
Iscritto il: 21 ott 2013, 14:32

Re: Se mamma e papaà non sono sposati! AIUTO!

Messaggio da MariPi82 » 23 feb 2016, 17:02

comunque, non ricordo chi lo chiedeva: se il bambino viene lasciato in ospedale (cosa che avviene, ahime, non proprio rarissimamente) la responsabilità è dell'ospedale per i primi 10 giorni di vita, periodo in cui la madre naturale (che ha disconosciuto il bimbo) ha diritto di tornare in ospedale a riconoscerlo senza conseguenze.
scaduti i 10 gg è affidato al tribunale dei minori.
Pietro Roberto 02-01-2013

Avatar utente
primomaggio
Master~GolGirl®
Master~GolGirl®
Messaggi: 7101
Iscritto il: 9 nov 2012, 21:07

Re: Se mamma e papaà non sono sposati! AIUTO!

Messaggio da primomaggio » 23 feb 2016, 17:10

MariPi82, tu parli di disconoscimento della madre in ospedale, in che modo lo disconosce? Io ricordo gli estratti del registro di sala parto come atti provanti la maternità, in caso di non riconoscimento, viene compilato diversamente? Noi abbiamo avuto appunto questo documento per riconoscere il bambino. Non credo che oggi sia necessario andare all'anagrafe con il bambino, basta l'estratto del registro di sala parto (giusto????).

Avatar utente
MariPi82
Gold~GolGirl®
Gold~GolGirl®
Messaggi: 23909
Iscritto il: 21 ott 2013, 14:32

Re: Se mamma e papaà non sono sposati! AIUTO!

Messaggio da MariPi82 » 23 feb 2016, 17:18

no: in sala parte sanno ovviamente che sei la madre, e lì ti fanno compilare i braccialetti e i relativi documenti.
qui il non riconoscimento/disconoscimento accade in due modi differenti, di base: o direttamente in sala parto dichiarano di non voler riconoscere il bambino come tuo (e non compili i documenti), oppure al momento della dimissione lo disconosci pur avendo dichiarato i dati prima; cioè vengono dimesse e lasciano il bimbo in ospedale facendo modificare la cartella.
tra l'altro diverse donne passano prima in ospedale, inviate magari da consultori, per le informative riguardo il parto in anonimato.
Pietro Roberto 02-01-2013

Avatar utente
mariangelac
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 37679
Iscritto il: 25 gen 2008, 14:54

Re: Se mamma e papaà non sono sposati! AIUTO!

Messaggio da mariangelac » 23 feb 2016, 17:34

non ho il cita!!
Quando io ho partorito ho dovuto dichiarare di non essere sposata, se lo fossi stata con Tizio, il mio uomo, Caio, non avrebbe potuto dire di essere il padre del bambino, per la legge sarebbe stato figlio di Tizio, a meno che Tizio non lo disconoscesse. Perché non chiedi meglio a tuo marito, che così ce lo spieghi meglio a tutte?? :fischia
questa parte la so bene, non sapevo che la bambina aveva il cognome del patrigno! :risatina:
per la cronaca è figlia del marito anche in caso di separazione e di nascita entro i 180 giorni se non ricordo male, ma dovrei chiedere per essere sicurissima
Ciascuno quanto piu interna contentezza gli manca, tanto piu desidera nell'opinione altrui passare per felice. (Schopenhauer)

Avatar utente
mariangelac
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 37679
Iscritto il: 25 gen 2008, 14:54

Re: Se mamma e papaà non sono sposati! AIUTO!

Messaggio da mariangelac » 23 feb 2016, 17:47

sbagliato! il figlio concepito entro 300 giorni dall'omologa della separazione è considerato figlio dei coniugi, 232 c.c.
ma mi pare che ora sia fuori tema
Ciascuno quanto piu interna contentezza gli manca, tanto piu desidera nell'opinione altrui passare per felice. (Schopenhauer)

Avatar utente
Antolina80
Bronze~GolGirl®
Bronze~GolGirl®
Messaggi: 14739
Iscritto il: 9 giu 2010, 17:26

Re: Se mamma e papaà non sono sposati! AIUTO!

Messaggio da Antolina80 » 23 feb 2016, 21:51

primomaggio ha scritto:MariPi82, tu parli di disconoscimento della madre in ospedale, in che modo lo disconosce? Io ricordo gli estratti del registro di sala parto come atti provanti la maternità, in caso di non riconoscimento, viene compilato diversamente? Noi abbiamo avuto appunto questo documento per riconoscere il bambino. Non credo che oggi sia necessario andare all'anagrafe con il bambino, basta l'estratto del registro di sala parto (giusto????).
Ma allora è come dicevo io. Se partorisco mio figlio in ospedale, a Roma come a vergate sul membro, e non passiamo entro tre giorni all'anagrafe dell'ospedale, nel momento in cui siamo dimessi entrambi, io sono la madre e io me ne vado con mio figlio. A meno che non lo disconosco e allora lo mollo là. Giusto?
Ci sarà una normativa a proposito. Valida su tutto il territorio nazionale, no?
Se il mio armadio è pieno non vuol dire che la mia testa sia vuota.
Silvia 30/12/2010 3.500 kg x 51 cm la nostra piccola punk
Jacopo 08/08/2015 3.840 kg x 53 cm il nostro piccolo kiwi

Avatar utente
Antolina80
Bronze~GolGirl®
Bronze~GolGirl®
Messaggi: 14739
Iscritto il: 9 giu 2010, 17:26

Re: Se mamma e papaà non sono sposati! AIUTO!

Messaggio da Antolina80 » 23 feb 2016, 22:03

Per dire... una madre può lasciare l'ospedale col figlio. Andare in anagrafe e registrare il figlio col suo cognome cosi il bambino non avrebbe un padre...giusto? Il nucleo familiare sarebbe composto solo da madre e figlio anche nell'ipotesi che il padre biologico conviva con loro. Ipoteticamente sarebbe un modo per imbrogliare sull'isee e usufruire di un sacco di agevolazioni e detrazioni.
Se il mio armadio è pieno non vuol dire che la mia testa sia vuota.
Silvia 30/12/2010 3.500 kg x 51 cm la nostra piccola punk
Jacopo 08/08/2015 3.840 kg x 53 cm il nostro piccolo kiwi

Avatar utente
primomaggio
Master~GolGirl®
Master~GolGirl®
Messaggi: 7101
Iscritto il: 9 nov 2012, 21:07

Re: Se mamma e papaà non sono sposati! AIUTO!

Messaggio da primomaggio » 23 feb 2016, 23:02

Antolina80, no l'estratto del registro di sala parto è una cosa - è un documento che attesta che il tal giorno è nato un bambino dalla donna Xy (e una volta Maripi disse che il registro di sala parta ha finalità sanitarie, prima che civili), la registrazione all'anagrafe è un'altra, è il certificato di nascita: all'anagrafe chiedono una prova che attesti che il tal bambino esiste... una volta ci si recava all'ufficio comunale col bambino, ora basta avere il documento sanitario (in caso di parti in casa penso che un'ostetrica abilitata possa produrre un documento analogo, ma le mie sono supposizioni).
Molti ospedali hanno il distaccamento dell'ufficio anagrafe, in quel caso non è nemmeno oneroso per i genitori produrre l'atto di nascita prima delle dimissioni; in caso in cui l'ospedale non abbia questo servizio e in cui i genitori non siano sposati e quindi debbano procedere al riconoscimento congiunto, Honey sostiene che il bambino deve essere lasciato in ospedale, che per dimetterlo vuole l'esibizione del certificato di nascita...
Sono sicuramente tutte norme atte alla tutela del bambino, certo fa una certa specie pensare che si debba lasciare in ospedale il proprio figlio...
Quanto all'idea che una donna riconosca da sola un bambino, pur avendo un compagno padre della creatura per ricevere benefici economici, la trovo un po' improbabile... perché significherebbe spogliare il bambino dei diritto al mantenimento da parte del padre, il diritto all'eredità di questo, ecc... per avere delle agevolazioni fiscali? Non penso che sul lungo termine sia vantaggioso.

Avatar utente
MariPi82
Gold~GolGirl®
Gold~GolGirl®
Messaggi: 23909
Iscritto il: 21 ott 2013, 14:32

Re: Se mamma e papaà non sono sposati! AIUTO!

Messaggio da MariPi82 » 23 feb 2016, 23:58

Sì, certo: viene usato per la misurazione dell'indice di apgar....oltre che il resto.
Pietro Roberto 02-01-2013

Avatar utente
Antolina80
Bronze~GolGirl®
Bronze~GolGirl®
Messaggi: 14739
Iscritto il: 9 giu 2010, 17:26

Re: Se mamma e papaà non sono sposati! AIUTO!

Messaggio da Antolina80 » 24 feb 2016, 9:45

Molti ospedali hanno il distaccamento dell'ufficio anagrafe, in quel caso non è nemmeno oneroso per i genitori produrre l'atto di nascita prima delle dimissioni; in caso in cui l'ospedale non abbia questo servizio e in cui i genitori non siano sposati e quindi debbano procedere al riconoscimento congiunto, Honey sostiene che il bambino deve essere lasciato in ospedale, che per dimetterlo vuole l'esibizione del certificato di nascita...
Sono sicuramente tutte norme atte alla tutela del bambino, certo fa una certa specie pensare che si debba lasciare in ospedale il proprio figlio...
Ecco era questo passaggio che mi lasciava perplessa. A questo punto la cosa non mi riguarda più, ma mi incuriosisce l'argomento perchè davvero era una cosa a cui non avevo assolutamente pensato.
Come dici tu anche l'ospedale dove ho partorito io ha lo sportello anagrafe, ma come tutti gli uffici ha degli orari. Come dicevo, io ho partorito la mattina del 30/12, avrei dovuto recarmi, congiuntamente al mio compagno, nella stanza a fianco per registrare la bambina entro 3 gg. Il 30 non lo abbiamo fatto, sinceramente non è stato il mio primo pensiero, e il 31 il mio compagno lavorava negli orari di apertura dello sportello. Il giorno delle dimissioni era festivo quindi niet. La mattina è stata dimessa Silvia e all'ora di pranzo sono stata dimessa io. Non dico che ci abbiano cacciato fuori a calci, ma il mio letto è stato liberato e ho dovuto restituire alla nursery i vestiti della bambina. Ci è stato semplicemente detto di recarci all'anagrafe del Comune entro 10 gg. Cosa che abbiamo fatto, il 3 gennaio. Ora quello che mi chiedo è: nel momento in cui mia figlia è nata, chi era responsabile per lei? Io o l'ospedale? Per le mie personali esperienze posso assicurare che l'ospedale mi ha fatto CHIARAMENTE capire che i miei figli erano affar mio, non solo per il fatto che me ne sono dovuta occupare fin da subito, ma anche perchè qualsiasi cosa venisse loro fatta io dovevo firmare il consenso. Quindi dal mio punto di vista, se un ospedale dimette me e mia figlia e non ha alcun motivo sanitario per prolungare il ricovero, nel momento in cui io lascio l'ospedale senza di lei, per me equivale ad abbandono di minore. Se succede qualcosa mentre io sono all'anagrafe chi ne risponde? Giuridicamente parlando quale sarebbe l'approccio corretto?
Se il mio armadio è pieno non vuol dire che la mia testa sia vuota.
Silvia 30/12/2010 3.500 kg x 51 cm la nostra piccola punk
Jacopo 08/08/2015 3.840 kg x 53 cm il nostro piccolo kiwi

Avatar utente
MariPi82
Gold~GolGirl®
Gold~GolGirl®
Messaggi: 23909
Iscritto il: 21 ott 2013, 14:32

Re: Se mamma e papaà non sono sposati! AIUTO!

Messaggio da MariPi82 » 24 feb 2016, 11:57

ma scusa.....tu quando hai partorito hai compilato una documentazione che legava te alla bimba. poi hai fatto i documenti del comune -formalità per avere cf, residenza, medico, ecc-, ma non è che non fosse tua figlia legittima prima, eh. lo era già (tant'è che hai 10 gg per farlo). non lo sarebbe stata se tu volontariamente l'avessi disconosciuta. non lo era per il tuo allora compagno, questo no.
Pietro Roberto 02-01-2013

Avatar utente
Lilluna
Platinum~GolGirl®
Platinum~GolGirl®
Messaggi: 41739
Iscritto il: 24 giu 2011, 9:34

Re: Se mamma e papaà non sono sposati! AIUTO!

Messaggio da Lilluna » 24 feb 2016, 13:26

il CF per il secondo (del 2014) a me lo hanno generato IN OSPEDALE.
Già alle dimissioni Mostrillo aveva CF completo, ed era inserito in non so che registro (per l'agenzia delle entrate).

Cosa che non era successa per Petonio (del 2012) invece, per il quale il CF mi è stato dato solo DOPO l'iscrizione all'anagrafe.

Io credo che l'ospedale denunci già la nascita burocraticamente... tanto che sul foglio dell'assistenza al parto, redatto in sala parto alla nascita, c'è scritto tutto.
I genitori, più che altro, devono iscriverlo all'anagrafe.
Thursday's Child Petonio Pigronio il cagone (31/05/12, 40+6, 3780gr, 51cm)
Ciuccione Mostrillo Pigrillo il caghino (18/06/14, 41+4, 3830gr, 51cm)
Smilzo Palmatino LaCozza il caghetto (07/10/16, 39+4, 3760gr, 52cm)

Avatar utente
MariPi82
Gold~GolGirl®
Gold~GolGirl®
Messaggi: 23909
Iscritto il: 21 ott 2013, 14:32

Re: Se mamma e papaà non sono sposati! AIUTO!

Messaggio da MariPi82 » 24 feb 2016, 13:29

anche qui da noi Lillu viene fatto tutto in automatico in sala parto!, ma non tutti gli ospedali lo fanno. devi essere ospedale accreditato.
Pietro Roberto 02-01-2013

Avatar utente
floddi
Platinum~GolGirl®
Platinum~GolGirl®
Messaggi: 40467
Iscritto il: 17 nov 2006, 14:47

Re: Se mamma e papaà non sono sposati! AIUTO!

Messaggio da floddi » 24 feb 2016, 14:08

antolina non ho capito la storia dell'anagrafe in ospedale. Io sono andata da sola, mio marito non è servito a nulla, non c'era proprio. E confermo che da noi NON puoi uscire dall'H se prima non hai registrato il bambino, tanto l'ufficio è lì..aperto tutte le mattine, per quale motivo una persona non dovrebbe farlo? Per poi dovermi recare con un neonato di 7 giorni all'anagrafe del mio comune? :perplesso :pensieroso
2005 in blu 2010 in rosa Esiliata!!*due anni di fantastico esilio* sorelle d'italia

Avatar utente
floddi
Platinum~GolGirl®
Platinum~GolGirl®
Messaggi: 40467
Iscritto il: 17 nov 2006, 14:47

Re: Se mamma e papaà non sono sposati! AIUTO!

Messaggio da floddi » 24 feb 2016, 14:14

ecco confermo,
La dichiarazione di nascita deve essere resa:
da uno o da entrambi i genitori.

Quindi bastavi tu.
2005 in blu 2010 in rosa Esiliata!!*due anni di fantastico esilio* sorelle d'italia

Avatar utente
primomaggio
Master~GolGirl®
Master~GolGirl®
Messaggi: 7101
Iscritto il: 9 nov 2012, 21:07

Re: Se mamma e papaà non sono sposati! AIUTO!

Messaggio da primomaggio » 24 feb 2016, 14:15

Mio figlio maggiore nel 2007 è stato dimesso con il CF già calcolato, ma abbiamo dovuto attivarlo all'AE. È la stessa cosa?
In ogni casi l'iscrizione all'anagrafe è un atto formale di non secondaria importanza... evidentemnte anche i comuni e le asl assumono delle linee comportamentali mirate a tutelare se stessi. Perché un bambino non registrato all'anagrafe, per di più figlio di genitori non italiani, incontrerà una serie di problematiche allucinanti... e nel caso si riscontri tale mancanza e si voglia risalire ai suoi dati di nascita, a doverli fornire è l'ospedale, il quale probabilmente si premura vincolando alla registrazione all'anagrafe le dimissioni. Evidentemente sono di più i casi come questo che i casi in cui succeda qualcosa a un neonato di pochi giorni non ancora dimesso e rimasto in ospedale in attesa della registrazione.
Del resto, il problema si pone in tutti i casi in cui il bambino è ricoverato, chiaro che l'ospedale ha delle responsabilità nei confronti dei minori ricoverati, senza nulla togliere alla potestà genitoriale, no?

Rispondi

Torna a “PREPARIAMOCI AL PARTO”