GravidanzaOnLine: il Forum

Prima, durante e dopo la gravidanza

 

Trovare il coraggio di smettere di allattare

La nascita, la crescita, grandi e piccole sfide della genitorialità.
Avatar utente
crucchina79
Master~GolGirl®
Master~GolGirl®
Messaggi: 6487
Iscritto il: 19/11/2010, 12:24

Re: Trovare il coraggio di smettere di allattare

Messaggio da crucchina79 » 06/01/2013, 20:35

Non so Giulia, so solo che ogni volta che mi capita di dire che son stanca tutti mi dicono di smettere di allattare, quando mi vedono dimagrita (son sempre stata magra) mi dicono di smettere di allattare.... pare che sia la soluzione di tutti i mali....
Amate le persone, non le cose. Usate le cose, non le persone. (Spencer W. Kimball)

mamma di T. 29/05/2011 e V. 21/07/2014

Avatar utente
Antolina80
Bronze~GolGirl®
Bronze~GolGirl®
Messaggi: 14733
Iscritto il: 09/06/2010, 16:26

Re: Trovare il coraggio di smettere di allattare

Messaggio da Antolina80 » 06/01/2013, 21:51

Oddio io ho allattato per 11 mesi e non ho mai mosso un dito a casa, la roba me la stirava mia mamma e fino a 8 mesi non ho lavorato...però ho perso un sacco di peso, tando che ho dovuto ricomprarmi gran parte cel guardaroba. È normale che una mamma si preoccupi...mi sarei preoccupata pure io!
Se il mio armadio è pieno non vuol dire che la mia testa sia vuota.
Silvia 30/12/2010 3.500 kg x 51 cm la nostra piccola punk
Jacopo 08/08/2015 3.840 kg x 53 cm il nostro piccolo kiwi

Avatar utente
ishetta
Platinum~GolGirl®
Platinum~GolGirl®
Messaggi: 56257
Iscritto il: 03/04/2007, 18:01

Re: Trovare il coraggio di smettere di allattare

Messaggio da ishetta » 06/01/2013, 22:04

Che bello che anche in Questo post il mio nick sia associato alla parola talebana :hi hi hi hi

Detto questo condivido quanto detto da crucchina.

L'unica cosa che vorrei sottolinearerispondendo ad Antolina ed anche a Rusc... Nella ns società allattare un bambino grande non è normale (a parte il mio ufficio che ho scoperto essere un covo di mammukke :urka ). Per cui appena c'è un problema ance la stessa madre si pone il dubbio se questo allattamento è la cosa giusta.
Vivessimo In Mongolia non ci si porrebbe alcunproblema.
Perché la vuoi perché tu puoi riconquistare un sorriso e puoi giocare e puoi gridare perché ti han detto bugie ti han raccontato che l'hanno uccisa che han calpestato la gioia perché la gioia è con te

Avatar utente
Antolina80
Bronze~GolGirl®
Bronze~GolGirl®
Messaggi: 14733
Iscritto il: 09/06/2010, 16:26

Re: Trovare il coraggio di smettere di allattare

Messaggio da Antolina80 » 06/01/2013, 22:11

ishetta ha scritto:Che bello che anche in Questo post il mio nick sia associato alla parola talebana :hi hi hi hi
Ahh questa volta io non c'entro! :prr
Comunque dato che non viviamo in Mongolia abbiamo la fortuna di fare le nostre scelte con serenità. Molte mamme non possono o non vogliono allattare e possono affidarsi al LA. Altre preferiscono allattare ad oltranza. Se il prezzo da pagare per le une e per le altre è qualche commento sarcastico, evvabbè, sarà mica la fine del mondo. L'importante è essere convinte della scelta fatta. Se poi l'unico pensiero per una madre è allatto ancora o smetto, credo che sia da ritenersi una donna fortunata. credo che in Mongolia abbiano ben altri problemi.
Se il mio armadio è pieno non vuol dire che la mia testa sia vuota.
Silvia 30/12/2010 3.500 kg x 51 cm la nostra piccola punk
Jacopo 08/08/2015 3.840 kg x 53 cm il nostro piccolo kiwi

Avatar utente
ishetta
Platinum~GolGirl®
Platinum~GolGirl®
Messaggi: 56257
Iscritto il: 03/04/2007, 18:01

Re: Trovare il coraggio di smettere di allattare

Messaggio da ishetta » 06/01/2013, 22:15

Antolina80, non muore il mondo ma è molto brutto sentirsi mettere in discussione come madre su un argomento tanto normale. Ti dirò che è stata la parte peggiore del mio primo allattamento.

Ad Aleon suggerisco di leggere questo articolo. Solo x vedere le cose da un altro punto di vista
http://www.camminamente.it/racconti/131 ... -khan.html" onclick="window.open(this.href);return false;
Perché la vuoi perché tu puoi riconquistare un sorriso e puoi giocare e puoi gridare perché ti han detto bugie ti han raccontato che l'hanno uccisa che han calpestato la gioia perché la gioia è con te

Avatar utente
Giulia80
Bronze~GolGirl®
Bronze~GolGirl®
Messaggi: 13638
Iscritto il: 09/07/2009, 20:24

Re: Trovare il coraggio di smettere di allattare

Messaggio da Giulia80 » 07/01/2013, 9:51

Io non capisco perchè ci si debba sentire messe in discussione come madri perchè c'è chi ti dice cosa dovresti fare. Io che sono una permalosa di proporzioni bibliche, di quelle che non mi si può dire niente se no mi offendo, ho accettato tutti i consigli proprio sul fronte figli. Ho fatto poi quello che dicevo io alcune volte, in altri casi ho seguito consigli buoni, in altri ho fatto boiate seguendo consigli cattivi, ma ho fatto quello che volevo io, nessuno mi ha puntato una pistola alla tempia e mi ha fatto fare qualcosa che non volevo.
Non capisco perchè diventare matti: se mi dicono che allattare un bambino di due anni non è normale, ma io lo voglio fare, lo faccio e me ne strafrego di quello che dicono mamma/suocera/amiche/colleghe e via dicendo.
Se però chiedo a mamma, suocere, amiche e colleghe un consiglio e loro mi dicono di smettere di allattare, non è che mi arrabbio perchè mi hanno detto la loro. Semplicemente, voluto la cosa per quello che è. Se poi mi sembra una buona idea, provo, se no vado oltre.

Scusate eh, io ho i figli nel lettone da sempre, non c'è giorno che qualcuno non mi dica che non va bene, che li vizio, che è pericoloso, che non si fa e che i bambini dovrebbero avere la loro cameretta e la loro privacy (a tre e un anno!!!), che dovrei lasciarli urlare nella notte perchè son solo capricci, ma non è che mi sento una madre meno madre perchè faccio diversamente, anzi. Se possibile mi sento ancora più madre, proprio perchè decido IO. O vogliamo parlare del lavoro? Dell'asilo? O del pannolino, che è stata una delel boiate che ho fatto seguendo un consiglio non troppo furbo di mia madre e ho ottenuto un risultato non troppo felice...
Io poi vivo a cavallo tra due culture, che spesso hanno usi in contrasto, per cui ho il pediatra olandese e l'asilo olandese che dicono una cosa e la suocera e una mamma italiana che ne dicono un'altra. Cosa dovrei fare, stracciarmi le vesti???

Voglio dire che la pressione sociale esiste sempre, ci sarà sempre qualcuno che ti dice che non va quello che fai. Se non è l'allattamento è il lettone, se non è il lettone sono i capricci, e così via.
è inutile scaldarsi così tanto. Però non si può nemmeno chiedere al mondo di tacere per non ferire la tua sensibilità di neomamma, mi sembra più ragionevole farsi le ossa e imparare a dire la propria, da adulti, prendendosene la responsabilità, piuttosto che restare sempre bambini.

Come ho detto, io penso che non si debba fare nulla che non ci si sente. Se Aleon pensa che andare avanti ad allattare sia giusto lo deve fare, magari cercando di sollevarsi in qualche altro modo dalle nottate totalmente in bianco. Come non lo so, ne ho sparata qualcuna, ma ognuno trova il suo modo. E se non lo trova... si ciuccia i figli e aspetta che crescano almeno un po'.
Francesco 21-10-09: l'indomito lunatico Elisa 24-08-11: l'allegra irosa
usa il cuore per pensare

Avatar utente
Antolina80
Bronze~GolGirl®
Bronze~GolGirl®
Messaggi: 14733
Iscritto il: 09/06/2010, 16:26

Re: Trovare il coraggio di smettere di allattare

Messaggio da Antolina80 » 07/01/2013, 10:10

Giulia80 ha scritto:Io non capisco perchè ci si debba sentire messe in discussione come madri perchè c'è chi ti dice cosa dovresti fare. Io che sono una permalosa di proporzioni bibliche, di quelle che non mi si può dire niente se no mi offendo, ho accettato tutti i consigli proprio sul fronte figli. Ho fatto poi quello che dicevo io alcune volte, in altri casi ho seguito consigli buoni, in altri ho fatto boiate seguendo consigli cattivi, ma ho fatto quello che volevo io, nessuno mi ha puntato una pistola alla tempia e mi ha fatto fare qualcosa che non volevo.
Non capisco perchè diventare matti: se mi dicono che allattare un bambino di due anni non è normale, ma io lo voglio fare, lo faccio e me ne strafrego di quello che dicono mamma/suocera/amiche/colleghe e via dicendo.
Se però chiedo a mamma, suocere, amiche e colleghe un consiglio e loro mi dicono di smettere di allattare, non è che mi arrabbio perchè mi hanno detto la loro. Semplicemente, voluto la cosa per quello che è. Se poi mi sembra una buona idea, provo, se no vado oltre.

Scusate eh, io ho i figli nel lettone da sempre, non c'è giorno che qualcuno non mi dica che non va bene, che li vizio, che è pericoloso, che non si fa e che i bambini dovrebbero avere la loro cameretta e la loro privacy (a tre e un anno!!!), che dovrei lasciarli urlare nella notte perchè son solo capricci, ma non è che mi sento una madre meno madre perchè faccio diversamente, anzi. Se possibile mi sento ancora più madre, proprio perchè decido IO. O vogliamo parlare del lavoro? Dell'asilo? O del pannolino, che è stata una delel boiate che ho fatto seguendo un consiglio non troppo furbo di mia madre e ho ottenuto un risultato non troppo felice...
Io poi vivo a cavallo tra due culture, che spesso hanno usi in contrasto, per cui ho il pediatra olandese e l'asilo olandese che dicono una cosa e la suocera e una mamma italiana che ne dicono un'altra. Cosa dovrei fare, stracciarmi le vesti???

Voglio dire che la pressione sociale esiste sempre, ci sarà sempre qualcuno che ti dice che non va quello che fai. Se non è l'allattamento è il lettone, se non è il lettone sono i capricci, e così via.
è inutile scaldarsi così tanto. Però non si può nemmeno chiedere al mondo di tacere per non ferire la tua sensibilità di neomamma, mi sembra più ragionevole farsi le ossa e imparare a dire la propria, da adulti, prendendosene la responsabilità, piuttosto che restare sempre bambini.

Come ho detto, io penso che non si debba fare nulla che non ci si sente. Se Aleon pensa che andare avanti ad allattare sia giusto lo deve fare, magari cercando di sollevarsi in qualche altro modo dalle nottate totalmente in bianco. Come non lo so, ne ho sparata qualcuna, ma ognuno trova il suo modo. E se non lo trova... si ciuccia i figli e aspetta che crescano almeno un po'.
:quoto_1:
Se il mio armadio è pieno non vuol dire che la mia testa sia vuota.
Silvia 30/12/2010 3.500 kg x 51 cm la nostra piccola punk
Jacopo 08/08/2015 3.840 kg x 53 cm il nostro piccolo kiwi

Avatar utente
ishetta
Platinum~GolGirl®
Platinum~GolGirl®
Messaggi: 56257
Iscritto il: 03/04/2007, 18:01

Re: Trovare il coraggio di smettere di allattare

Messaggio da ishetta » 07/01/2013, 10:23

Giulia80, certo, la soluzione migliore è fregarsene, ma prima di arrivare a fregarsene devi avere il tempo di farti le ossa.
Io ho sofferto moltissimo di questa cosa, non tutti siamo uguali.
Perché la vuoi perché tu puoi riconquistare un sorriso e puoi giocare e puoi gridare perché ti han detto bugie ti han raccontato che l'hanno uccisa che han calpestato la gioia perché la gioia è con te

Avatar utente
Giulia80
Bronze~GolGirl®
Bronze~GolGirl®
Messaggi: 13638
Iscritto il: 09/07/2009, 20:24

Re: Trovare il coraggio di smettere di allattare

Messaggio da Giulia80 » 07/01/2013, 10:47

Ish lo capisco, figurati. Io ho una madre che riesce a mettermi in discussione in millemila altre simpatiche cose e bimbetta non sono. Capisco per esperienza diretta quanto possa ferire e far soffrire la parola fuori posto di un altro, specie se di una persona a cui tieni.
Però non si può chiedere alla società di venirti incontro, questo voglio dire. Sarebbe bello, sarebbe giusto, ma non è così, non cambiano le cose.
Quindi, se si vuole sfogarsi, lamentarsi, lasciare il lavandino stappato e arrabbiarsi, tirare fuori e bon, benissimo. Io mi lamento un sacco, è il modo di fare le cose: borbotto e intanto faccio. Ma se ci si aspetta di trovare una soluzione in questo modo, si è fuori strada e pure di brutto.

Insomma, tutti i pat-pat del mondo. E poi forza e coraggio, all'arrembaggio! :sorrisoo :sorrisoo :sorrisoo
Francesco 21-10-09: l'indomito lunatico Elisa 24-08-11: l'allegra irosa
usa il cuore per pensare

Avatar utente
ishetta
Platinum~GolGirl®
Platinum~GolGirl®
Messaggi: 56257
Iscritto il: 03/04/2007, 18:01

Re: Trovare il coraggio di smettere di allattare

Messaggio da ishetta » 07/01/2013, 11:04

Giulia80, certo la società non cambierà per noi... ma un po' per volta facendo una giusta educazione soprattutto fra i professionisti del settore passerà (anzi tornerà) l'idea che allattare un bimbo grandicello è normale e che non tutti i problemi sono dovuti all'allattamento.
Perché la vuoi perché tu puoi riconquistare un sorriso e puoi giocare e puoi gridare perché ti han detto bugie ti han raccontato che l'hanno uccisa che han calpestato la gioia perché la gioia è con te

Avatar utente
crucchina79
Master~GolGirl®
Master~GolGirl®
Messaggi: 6487
Iscritto il: 19/11/2010, 12:24

Re: Trovare il coraggio di smettere di allattare

Messaggio da crucchina79 » 07/01/2013, 11:14

Giulia80, te forse hai un carattere più forte (pure io ne sento di tutti i coloi perché dorme con me, e io li mando mentalmente a [email protected]) invece ho conosciuto tante mamme che hanno smesso perché incitate dal fatto che "non è normale" e poi ci son state malissimo..... una me l'ha detto proprio ieri... (eravamo assieme a yoga, l'ho incontata per caso in un negozio e la prima cosa che mi ha chiesto è se sto allattando ancora, dato che abbiamo i figli nati quasi contemporaneamente... lei mi ha detto che ha smesso a 14 mesi perché era dimagrita e tutti le dicevano di smettere e che le dispiaceva da morire).
Mi piacerebbe tornare in un mondo dove l'allattamento prolungato non sia considerato anormale o fonte di ogni problema.
Amate le persone, non le cose. Usate le cose, non le persone. (Spencer W. Kimball)

mamma di T. 29/05/2011 e V. 21/07/2014

Avatar utente
Giulia80
Bronze~GolGirl®
Bronze~GolGirl®
Messaggi: 13638
Iscritto il: 09/07/2009, 20:24

Re: Trovare il coraggio di smettere di allattare

Messaggio da Giulia80 » 07/01/2013, 11:21

Va bene Crucchi, lo capisco, figurati. Anche a me piacerebbe vivere in un mondo dove lavorare come dico io è compatibile con l'avere i figli come dico io. Se si potessero cambiare le regole del gioco, avrei una lista così di cambiamenti da fare, su una marea di fronti.
E no, io non sono un esempio di forza, uno forte non ci soffrirebbe. Se mi vuoi attribuire una virtù che mi appartiene, sono solo pratica: se devo soffrire facendo quello che dico io, lo preferisco a soffrire facendo quello che dici tu :sorrisoo
Francesco 21-10-09: l'indomito lunatico Elisa 24-08-11: l'allegra irosa
usa il cuore per pensare

Avatar utente
ishetta
Platinum~GolGirl®
Platinum~GolGirl®
Messaggi: 56257
Iscritto il: 03/04/2007, 18:01

Re: Trovare il coraggio di smettere di allattare

Messaggio da ishetta » 07/01/2013, 11:24

Giulia80, quello che hai scritto è una grossa forza. L'omologazione spesso è segno di debolezza.
Perché la vuoi perché tu puoi riconquistare un sorriso e puoi giocare e puoi gridare perché ti han detto bugie ti han raccontato che l'hanno uccisa che han calpestato la gioia perché la gioia è con te

Avatar utente
Giulia80
Bronze~GolGirl®
Bronze~GolGirl®
Messaggi: 13638
Iscritto il: 09/07/2009, 20:24

Re: Trovare il coraggio di smettere di allattare

Messaggio da Giulia80 » 07/01/2013, 11:29

Ish, lo spero proprio, ma spero anche che non si cada dall'altra parte, come spesso succede. Perchè se tu ti sei sentita dire che allattavi troppo, io mi son sentita dire non so quante volte che ho allattato troppo poco! Una volta mia suocera mi ha chiesto, all'inizio dello svezzamento di Francesco, se lo stavo PUNENDO perchè gli stavo dando la crema di riso invece della tetta. Stavo introducendo il secondo pasto serale e ci son rimasta male, ma male.

Forse bisognerebbe rispolverare di più il principio di fondo che la mamma è sempre la mamma. E quindi decide lei, seguendo il suo istinto. E il dovere dei professionisti è sì quello ci informare, ma poi soprattutto sostenere le scelte che la mamma fa, teorie su l'allattamento/il lettone/l'asilo/i capricci e così via, o meno. Ecco, se potessi cambiare qualcosa, questo è quello che vorrei.
Francesco 21-10-09: l'indomito lunatico Elisa 24-08-11: l'allegra irosa
usa il cuore per pensare

Avatar utente
ishetta
Platinum~GolGirl®
Platinum~GolGirl®
Messaggi: 56257
Iscritto il: 03/04/2007, 18:01

Re: Trovare il coraggio di smettere di allattare

Messaggio da ishetta » 07/01/2013, 11:30

Giulia80 ha scritto:Ish, lo spero proprio, ma spero anche che non si cada dall'altra parte, come spesso succede. Perchè se tu ti sei sentita dire che allattavi troppo, io mi son sentita dire non so quante volte che ho allattato troppo poco! Una volta mia suocera mi ha chiesto, all'inizio dello svezzamento di Francesco, se lo stavo PUNENDO perchè gli stavo dando la crema di riso invece della tetta. Stavo introducendo il secondo pasto serale e ci son rimasta male, ma male.
Vabbè ma se te l'avesse detto il pediatra posso capire... ma te l'ha detto la suocera :ahaha
Perché la vuoi perché tu puoi riconquistare un sorriso e puoi giocare e puoi gridare perché ti han detto bugie ti han raccontato che l'hanno uccisa che han calpestato la gioia perché la gioia è con te

Avatar utente
Giulia80
Bronze~GolGirl®
Bronze~GolGirl®
Messaggi: 13638
Iscritto il: 09/07/2009, 20:24

Re: Trovare il coraggio di smettere di allattare

Messaggio da Giulia80 » 07/01/2013, 11:32

ishetta ha scritto:Giulia80, quello che hai scritto è una grossa forza. L'omologazione spesso è segno di debolezza.
Guarda, non è che poi non mi omologo su altre cose eh? Non vorrei nemmeno sembrare una roccia dove non lo sono. Ma su questa cosa sì, decido io quello che dico io. Perchè se quella crapona di mia madre, che riesce a farmi tornare una bambina di tre anni con una parola su tante tante cose, mi ha insegnato (inculcato?) qualcosa è questa: la mamma è. e basta. non deve fare nulla di più che essere. (almeno finchè le creature son piccine :spiteful: )
Francesco 21-10-09: l'indomito lunatico Elisa 24-08-11: l'allegra irosa
usa il cuore per pensare

Avatar utente
crucchina79
Master~GolGirl®
Master~GolGirl®
Messaggi: 6487
Iscritto il: 19/11/2010, 12:24

Re: Trovare il coraggio di smettere di allattare

Messaggio da crucchina79 » 07/01/2013, 11:38

Giulia80, hai ragione, al 100%... ma proprio per questo secondo me i piccoli cambiamenti devono venire da noi... primo fra tutti non far sentire in colpa le mamme, qualunque decisione prendano.
Il cambiamento poi dovrebbe venire da chi si occupa della salute dei bambini e quindi per primo dovrebbe dare informazioni corrette, ma qui ci siamo molto lontani....
Sul discorso della persona forte... non son convinta che la persona forte sia quella che non prova dolore... anzi! Così son capaci tutti :ahaha La vera forza sta nell'aver coraggio nonostante lo starci male.
Amate le persone, non le cose. Usate le cose, non le persone. (Spencer W. Kimball)

mamma di T. 29/05/2011 e V. 21/07/2014

Avatar utente
Giulia80
Bronze~GolGirl®
Bronze~GolGirl®
Messaggi: 13638
Iscritto il: 09/07/2009, 20:24

Re: Trovare il coraggio di smettere di allattare

Messaggio da Giulia80 » 07/01/2013, 11:41

ishetta ha scritto: Vabbè ma se te l'avesse detto il pediatra posso capire... ma te l'ha detto la suocera :ahaha
guarda, venendo dalla cultura del "ma cosa ne sa il dottore???", forse mi ha pesato di più la suocera!
la pediatra olandese era stupita che volessi allattare dopo il cesare e per di più tornando al lavoro, ma mi ha incoraggiato e mi ha fatto aiutare molto dall'ostetrica. quella italiana diceva di sentirmi libera, ma di considerare mio dovere di mamma arrivare ai sei mesi di allattamento esclusivo. mia madre diceva che 4 mesi bastavano e avanzavano e che allattare è una schiavitù dalla quale liberarsi il più presto possibile. mia suocera sosteneva l'allattamento prolungato.
sei mesi è stato il mio obiettivo e così ho fatto. avrei anche proseguito, con Elisa mi sarebbe proprio piaciuto, ma il latte se ne è andato da solo e onestamente è andata bene così, ero stanca, ormonata e volevo delegare il marito alcune ore della notturna.

forse è stato più facile sentendosi dire cose agli antipodi non ho trovato di fronte a me una corrente unica di pensiero contraria alla mia e non è stata una scelta sofferta, è venuta e basta.
ma se volete vi racconto il muro che ho incontrato sul nido!
Francesco 21-10-09: l'indomito lunatico Elisa 24-08-11: l'allegra irosa
usa il cuore per pensare

Avatar utente
Giulia80
Bronze~GolGirl®
Bronze~GolGirl®
Messaggi: 13638
Iscritto il: 09/07/2009, 20:24

Re: Trovare il coraggio di smettere di allattare

Messaggio da Giulia80 » 07/01/2013, 11:44

crucchina79 ha scritto:Giulia80, hai ragione, al 100%... ma proprio per questo secondo me i piccoli cambiamenti devono venire da noi... primo fra tutti non far sentire in colpa le mamme, qualunque decisione prendano.
Il cambiamento poi dovrebbe venire da chi si occupa della salute dei bambini e quindi per primo dovrebbe dare informazioni corrette, ma qui ci siamo molto lontani....
Sul discorso della persona forte... non son convinta che la persona forte sia quella che non prova dolore... anzi! Così son capaci tutti :ahaha La vera forza sta nell'aver coraggio nonostante lo starci male.
Sentirsi in colpa in qualche modo secondo me ti ci senti sempre, secondo me la chiave non è quella. La chiave è scendere a patti col proprio senso di colpa. Per me funziona la questione pratica: faccio del mio meglio e tra i due mali scelgo il minore. E infatti non riesco a dormire con mio marito una notte intera nello stesso letto se non quando i figli pernottano dai nonni!!! Ma pur di dormire, giuro, anche a testa in giù!
Francesco 21-10-09: l'indomito lunatico Elisa 24-08-11: l'allegra irosa
usa il cuore per pensare

Avatar utente
ishetta
Platinum~GolGirl®
Platinum~GolGirl®
Messaggi: 56257
Iscritto il: 03/04/2007, 18:01

Re: Trovare il coraggio di smettere di allattare

Messaggio da ishetta » 07/01/2013, 11:57

Giulia80 ha scritto:
ishetta ha scritto: Vabbè ma se te l'avesse detto il pediatra posso capire... ma te l'ha detto la suocera :ahaha
guarda, venendo dalla cultura del "ma cosa ne sa il dottore???", forse mi ha pesato di più la suocera!
la pediatra olandese era stupita che volessi allattare dopo il cesare e per di più tornando al lavoro, ma mi ha incoraggiato e mi ha fatto aiutare molto dall'ostetrica. quella italiana diceva di sentirmi libera, ma di considerare mio dovere di mamma arrivare ai sei mesi di allattamento esclusivo. mia madre diceva che 4 mesi bastavano e avanzavano e che allattare è una schiavitù dalla quale liberarsi il più presto possibile. mia suocera sosteneva l'allattamento prolungato.
sei mesi è stato il mio obiettivo e così ho fatto. avrei anche proseguito, con Elisa mi sarebbe proprio piaciuto, ma il latte se ne è andato da solo e onestamente è andata bene così, ero stanca, ormonata e volevo delegare il marito alcune ore della notturna.

forse è stato più facile sentendosi dire cose agli antipodi non ho trovato di fronte a me una corrente unica di pensiero contraria alla mia e non è stata una scelta sofferta, è venuta e basta.
ma se volete vi racconto il muro che ho incontrato sul nido!
Sì forse il fatto di avere davanti diverse idee ti permette di scegliere da sola.
Se tutti invece ti dicono che stai sbagliando forse ti poni qualche dubbio in più.
Sto ovviamente parlando solo del primo figlio. Col secondo avevo lo sguardo così tranquillo e scafato che nessuno si permetteva di dirmi nulla.
Perché la vuoi perché tu puoi riconquistare un sorriso e puoi giocare e puoi gridare perché ti han detto bugie ti han raccontato che l'hanno uccisa che han calpestato la gioia perché la gioia è con te

Rispondi

Torna a “PSICOLOGICAMENTE PARLANDO: ESSERE GENITORI”