Se mamma e papaà non sono sposati! AIUTO!

Come prepararsi psicologicamente all'evento? Dubbi, consigli sul parto e qualche informazione per migliorare la degenza in ospedale.

Se mamma e papaà non sono sposati! AIUTO!

Messaggioda cilla23 » 22/01/2016, 9:46

Ciao a tutte!
Vorrei chiedere informazioni a voi che magari siete nella mia stessa situazione o ci siete già passate.
Sono alla 35sima settimana e il parto si sta avvicinando! Tra le tante domande ce nè una che in questi giorni mi assilla... Io e il mio compagno non siamo sposati (non abbiamo neanche la stessa residenza) quindi mi chiedevo, e lo so che è la peggiore delle ipotesi... ma vorrei togliermi ogni dubbio!, se nel giorno del parto qualcosa dovesse andare storto lui che potere decisionale ha su di me per i medici?
Mia mamma sostiene che dovrà essere presente anche lei perchè non si sa mai che in ogni evenienza chiederanno a lei di firmare eventuali autorizzazioni o consensi perchè il mio compagno non essendo mio marito non ha alcun poter decisionale (sanitario) su di me.
Ora a prescindere che a me va benissimo che la mia mamma sia presente volevo chiarire se davvero il mio compagno in una situazione "tragica" passerebbe in secondo piano tipo estraneo e quindi fosse davvero necessario il consenso di un vero parente.
Sia chiaro non parlo della bimba in arrivo parlo di decisioni da prendere su di me.
Ovviamente spero che vada tutto bene, ma visto le leggi italiane vorrei solo essere a conoscenza della giusta procedura.
Grazie a tutte!
cilla23
New~GolGirl®
New~GolGirl®
 
Messaggi: 6
Iscritto il: 26/08/2015, 13:22

Re: Se mamma e papaà non sono sposati! AIUTO!

Messaggioda Dionaea » 22/01/2016, 10:06

Si. X la legge il tuo compagno è un estraneo sia verso di te sia verso la bambina.

Noi settimana prossima andiamo in comune a fare il prericonoscimento del nascituro, in modo tale che se ci fosse da prendere qualsiasi decisione al volo su nostra figlia lui abbia una carta che certifica che ne è il padre, altrimenti in caso di impossibilità mia di prendere decisioni verrebbero chiamati a scegliere i nonni materni.

Serve un certificato di gravidanza rilascia to da un ginecologo asl e gli estratti integrali dei vostri atti di nascita, che sarà il comune stesso a richiedere all'ufficio anagrafe del comune in cui siete nati. Una volta avuta la documentazione fissano un appuntamento per il prericonoscimento.
Sei arrivata per cambiare tutta una vita - 2016
Immagine
Avatar utente
Dionaea
Moderatore
Moderatore
 
Messaggi: 36337
Iscritto il: 13/01/2010, 9:53

Re: Se mamma e papaà non sono sposati! AIUTO!

Messaggioda Dionaea » 22/01/2016, 10:07

Però il prericonoscimento riguarda la bambina e non te. Per quello forse al momento del ricovero dovrai compilare un.modulo in cui scrivi due nominativi al quale i medici possono dare notizie riguaranti il tuo stato di salute. Ma non so se questo modulo valga anche per autorizzare quelle persone a prendere decisioni che ti riguardano.
Sei arrivata per cambiare tutta una vita - 2016
Immagine
Avatar utente
Dionaea
Moderatore
Moderatore
 
Messaggi: 36337
Iscritto il: 13/01/2010, 9:53

Re: Se mamma e papaà non sono sposati! AIUTO!

Messaggioda cilla23 » 22/01/2016, 10:20

Ok grazie mille.
Del prericonoscimento mi sono già un po informata e prossima settimana andremo in comune a compilare i vari moduli.
Il 4 febbraio ho la visita con anestesista dell'ospedale dove partorirò chiederò ulteriori informazioni anche a loro.
Grazie delle tue info :sorrisoo
cilla23
New~GolGirl®
New~GolGirl®
 
Messaggi: 6
Iscritto il: 26/08/2015, 13:22

Re: Se mamma e papaà non sono sposati! AIUTO!

Messaggioda Dionaea » 22/01/2016, 10:36

Dopo mi riporti le informazioni che ti danno per favore?
Sei arrivata per cambiare tutta una vita - 2016
Immagine
Avatar utente
Dionaea
Moderatore
Moderatore
 
Messaggi: 36337
Iscritto il: 13/01/2010, 9:53

Re: Se mamma e papaà non sono sposati! AIUTO!

Messaggioda Antolina80 » 27/01/2016, 11:48

Noi non abbiamo fatto nessun prericonoscimento.
Nel mio caso lui era con me, non eravamo sposati e non avevamo la stessa residenza. L'unica rogna è che per la registrazione all'anagrafe bisogna andarci entrambi. Si può fare entro 3 giorni in ospedale o entro 10 in Comune.
A dir la verità io non sono andata in ospedale pensando alle peggio cose e si spera che la partoriente sia sempre in grado di intendere e di volere.... però mettere le mani avanti non è sbagliato.
Al secondo parto eravamo sposati, ma non c'è stato nulla di diverso. In entrambi i casi ha parlato tutto il tempo lui al posto mio, ma c'è anche da dire che io ero vigile (non posso dire lucida :risatina: ) e non ha mai dovuto decidere per me o per i bambini.
Se il mio armadio è pieno non vuol dire che la mia testa sia vuota.
Silvia 30/12/2010 3.500 kg x 51 cm la nostra piccola punk
Jacopo 08/08/2015 3.840 kg x 53 cm il nostro piccolo kiwi
Avatar utente
Antolina80
Bronze~GolGirl®
Bronze~GolGirl®
 
Messaggi: 14706
Iscritto il: 09/06/2010, 16:26
Località: Trieste

Re: Se mamma e papaà non sono sposati! AIUTO!

Messaggioda primomaggio » 27/01/2016, 14:29

Leggendo qui e ripensando al mio primo parto, per cui non avevo fatto il prericovero (il secondo è stato un cesareo programmato quindi ho firmato liberatorie e quant'altro con settimane di anticipo), mi è venuto in mente che appena sono stata ricoverata l'ostetrica ha compilato una marea di scartoffie e so di aver firmato diverse cose. Ora non è bello che io non ricordi che cosa fosse tutto nel dettaglio, ma mi pare anche una liberatoria in casi di urgenza ad intervenire, perché appunto in casi di emergenza tempo di andare a parlare con il familiare non è detto che ci sia. Io al tempo non ero sposata.
Avatar utente
primomaggio
Master~GolGirl®
Master~GolGirl®
 
Messaggi: 7100
Iscritto il: 09/11/2012, 21:07

Re: Se mamma e papaà non sono sposati! AIUTO!

Messaggioda primomaggio » 27/01/2016, 14:47

P.S. comunque in senso assoluto, chi non ha legami di parentela con il paziente non ha autorità formale per prendere decisioni, magari viene consultato - penso che in reparto ostetricia sia una situazione sempre più frequente - ma in caso di incoscienza del paziente, non riveste un ruolo. Di questi giorni la notizia che si sta provando a cambiare lo status delle coppie di fatto. Per conto nostro, 9 anni fa (quando figli legittimi e figli naturali non erano ancora stati equiparati) ci siamo sentiti più garantiti dall'istituzione del matrimonio e dopo che è nato nostro figlio, con rito civile abbbiamo formalizzato la nostra unione.
Avatar utente
primomaggio
Master~GolGirl®
Master~GolGirl®
 
Messaggi: 7100
Iscritto il: 09/11/2012, 21:07

Re: Se mamma e papaà non sono sposati! AIUTO!

Messaggioda Antolina80 » 27/01/2016, 16:55

Ecco forse anche io ho firmato qualcosa del genere in sala parto, ma sinceramente non lo so. La seconda volta mi pare di non aver firmato nulla....
Una mia amica che ha fatto il cesareo programmato è andata li con la compagna, nonchè seconda "mamma" della bambina e subito fuori dalla sala operatoria la bambina è stata consegnata a lei che ha seguito le fasi successive (lavaggio, pesata e misurazioni varie della neonata), anche se non era una parente, ma credo che la cosa avvenga in ogni caso.
Ammetto di non essermi preoccupata molto della questione quando è nata Silvia anche perchè conosco pochissime coppie sposate, ma moltissime con figli e nessuno ha fatto questo prericonoscimento. Forse la prassi comune dell'ospedale in questo particolare caso è data più dalla consuetudine che dalle leggi...
Se il mio armadio è pieno non vuol dire che la mia testa sia vuota.
Silvia 30/12/2010 3.500 kg x 51 cm la nostra piccola punk
Jacopo 08/08/2015 3.840 kg x 53 cm il nostro piccolo kiwi
Avatar utente
Antolina80
Bronze~GolGirl®
Bronze~GolGirl®
 
Messaggi: 14706
Iscritto il: 09/06/2010, 16:26
Località: Trieste

Re: Se mamma e papaà non sono sposati! AIUTO!

Messaggioda primomaggio » 27/01/2016, 19:39

Sì Antolina anche io penso che nel fisiologico in ospedale, in ostetricia soprattutto, non stiano a guardare la relazione legale tra i genitori...
Noi ci eravamo informati per il prericonoscimento e a detta dell'impiegato del comune era una formalità superflua, ma a ben pensarci credo che si sia sostituito a noi nella valutazione della cosa, noi meno informati di Dioanea abbiamo lasciato stare e vabbe', è andato tutto bene. Tuttavia è vero che in caso di incoscienza della madre non moglie dopo la nascita, il padre non ha facoltà sul neonato.
Però nella relazione con la donna se non si è sposati, in caso di emergenza, io non vedo modo che il padre del bambino possa dare consensi, lì cosa può prassi? È la legge che non lo prevede. Ribadisco, stanno valutando ora in parlamento la possibilità di sanare questa mancanza per le coppie di fatto. A meno che la futura mamma non sottoscriva un documento privato in cui nomina l'esecutore delle proprie volontà, forse, da depositare presso un notaio? Mi sorge il dubbio perché una mia familiare non sposata ha nominato sua sorella e me quali esecutrici delle sue volontà in caso di sua incoscienza e dubbio se doverla rianimare... ma non so se sia un provvedimeto che si adatti al parto e situazioni derivanti.
Avatar utente
primomaggio
Master~GolGirl®
Master~GolGirl®
 
Messaggi: 7100
Iscritto il: 09/11/2012, 21:07

Re: Se mamma e papaà non sono sposati! AIUTO!

Messaggioda arancia » 28/01/2016, 11:31

mmm ... interessante...
:perplesso

seguo perchè dubito di sposarmi da qui a giugno
Ti stiamo aspettando!!!
Immagine
Avatar utente
arancia
Active~GolGirl®
Active~GolGirl®
 
Messaggi: 628
Iscritto il: 01/12/2015, 14:36

Re: Se mamma e papaà non sono sposati! AIUTO!

Messaggioda Honey83 » 28/01/2016, 17:59

Quando ero incinta io al corso preparto dell'ospedale insistettero molto sul prericonoscimento. Se non fossi stata sposata l'avrei fatto sicuramente (o mi sarei sposata al volo).
Ricordo bene, nei giorni successivi al parto, che c'era una signora straniera che aveva partorito ed il piccolo, al terzo giorno, ancora non era stato riconosciuto né da lei né dal marito/compagno. La donna era stata dimessa e la stavano per mandare via fisicamente, ma non poteva portare con sé il piccolo e lo sportello anagrafe era già chiuso: le hanno detto di andarsene senza bambino e di ripresentarsi il giorno successivo dopo averlo riconosciuto! Magari quei due poveretti erano anche sposati al paese loro ma non avevano
Se la donna fosse stata in coma, avrebbero dato il bambino solo a nonni/zii materni?
Molto meglio formalizzare tutto.
Honey83
New~GolGirl®
New~GolGirl®
 
Messaggi: 64
Iscritto il: 16/03/2015, 10:10

Re: Se mamma e papaà non sono sposati! AIUTO!

Messaggioda Antolina80 » 28/01/2016, 18:05

Il riconoscimento si può fare o entro tre giorni in ospedale o entro 10 giorni in comune. Io la prima volta l'ho fatto in comune una settimana dopo perché Silvia è nata a fine anno e gli uffici erano chiusi. Forse non possono mandare a casa il bambino col padre ma se mi mandavano a casa senza mia figlia piantavo un casino che se lo ricordavano!!! Mi presentavo con carabinieri avvocati esercito e Chuck Norris.
Se il mio armadio è pieno non vuol dire che la mia testa sia vuota.
Silvia 30/12/2010 3.500 kg x 51 cm la nostra piccola punk
Jacopo 08/08/2015 3.840 kg x 53 cm il nostro piccolo kiwi
Avatar utente
Antolina80
Bronze~GolGirl®
Bronze~GolGirl®
 
Messaggi: 14706
Iscritto il: 09/06/2010, 16:26
Località: Trieste

Re: Se mamma e papaà non sono sposati! AIUTO!

Messaggioda Antolina80 » 28/01/2016, 18:16

Non so negli altri ospedali, ma qua da me nel momento in cui te lo tirano fuori, il bambino è sotto la responsabilità della madre, salvo diverse indicazioni. Tutto quello che gli viene fatto va prima chiesto alla madre. Quando viene dimesso te lo consegnano e l'ospedale non ha nessun diritto di tenerlo lì.
Se il mio armadio è pieno non vuol dire che la mia testa sia vuota.
Silvia 30/12/2010 3.500 kg x 51 cm la nostra piccola punk
Jacopo 08/08/2015 3.840 kg x 53 cm il nostro piccolo kiwi
Avatar utente
Antolina80
Bronze~GolGirl®
Bronze~GolGirl®
 
Messaggi: 14706
Iscritto il: 09/06/2010, 16:26
Località: Trieste

Re: Se mamma e papaà non sono sposati! AIUTO!

Messaggioda Dionaea » 28/01/2016, 18:19

Eccoci, freschi freschi di prericonoscimento, appena fatto.

Anche io penso che in ostetricia la prassi sia di chiedere a chi accompagna la partoriente, soprattutto se è il compagno e la situazione si presenta tranquilla. Ecco, magari se una arriva in h dicendo "se si presenta il padre del bambino tenetemelo lontano" le cose cambiano. O se accanto c'è un'amica si preferisce interpellare i genitori della paziente.

Però se su di me posso permettermi di rischiare che non chiedano a nessuno o che chiedano ai miei e non al mio compagno, su mia figlia non transigo: ha una mamma e un papà e siamo noi i primi a dover essere interpellati su qualsiasi decisione la riguardi, fosse anche un banale"le diamo la glucosata o aspettiamo?". Con tutto che i rapporti familiari sono assolutamente tranquilli e trasparenti, per cui so per certo che i miei rigirerebbero la decisione al mio compagno riconoscendogli il suo ruolo di padre.

Ora è a tutti gli effetti figlia nostra e non solo mia. Considerando che la pratica non ci è costata nulla se non due giri in comune e due firme, siamo più tranquilli così.

E mi fa tanta tristezza pensare che se fossimo stati una coppia omo questa tutela non l'avremmo avuta. Chiusa parentesi polemica.
Sei arrivata per cambiare tutta una vita - 2016
Immagine
Avatar utente
Dionaea
Moderatore
Moderatore
 
Messaggi: 36337
Iscritto il: 13/01/2010, 9:53

Prossimo

Torna a PREPARIAMOCI AL PARTO

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite